Calciomercato Cagliari, Pjaca il nome giusto per l’attacco?

pjaca juventus cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

Calciomercato Cagliari, il croato Marko Pjaca della Juventus è il nome più caldo per rinforzare l’attacco di Maran

Per il mercato in entrata del Cagliari bisognerà aspettare a settimana prossima, dopo la partita con il Brescia. Per ora in casa rossoblù si sono registrate solo tre uscite di altrettanti sardi: Aresti (Olbia), Pinna (Empoli) e Deiola (Lecce). Il ds Marcello Carli sta lavorando per rinforzare una rosa che nel girone d’andata ha fatto benissimo – 6° posto e 29 punti – ma che visti gli ultimi risultati negativi necessita di rinforzi. La priorità doveva essere un difensore centrale, visti i problemi di capitan Ceppitelli, ora però i nomi più caldi riguardano l’attacco. Su tutti c’è Marko Pjaca, esterno offensivo di proprietà della Juventus e reduce dall’ennesimo infortunio alle ginocchia che ne hanno condizionato la carriera da quando è in Italia. È tornato a giocare mercoledì contro l’Udinese in Coppa Italia, ma è chiaro che per il croato non c’è posto in bianconero. Secondo Sky Sport, il Cagliari insiste e crede in un suo rilancio in Sardegna.

NOME GIUSTO? – La Juve vuole cederlo in prestito, formula che aiuterebbe anche il club rossoblù a valutarne la tenuta fisica. Sì, perché di Pjaca è ciò che più di tutto preoccupa. Per due volte gli è saltato il crociato: nel marzo del 2017 il destro, in amichevole con la Croazia, a marzo 2019 il sinistro, in allenamento con la Fiorentina. La Juve l’aveva acquistato dalla Dinamo Zagabria per 23 milioni di euro dopo che si era messo in luce nell’Europeo del 2016. A Torino ha faticato però a trovare spazio: appena 14 presenze in campionato e solo una rete negli ottavi di Champions League contro il Porto prima dell’infortunio al ginocchio. Nei successivi prestiti allo Schalke 04 (7 presenze e 2 gol in 6 mesi) e Fiorentina (19 partite a 1 gol nella scorsa stagione) è sembrato solo un ricordo opaco del talento che si era intravisto nell’ultimo Europeo. Cagliari può essere la piazza giusta per lui? Già in passato la Sardegna ha dimostrato di poter rigenerare certi giocatori. Ancora di più quest’anno, tra i vari Olsen, Rog, Simeone e Nainggolan, messi ai margini dalle rispettive squadre e tutti rinati. Per Pjaca, visti i tanti infortuni, il discorso sarebbe diverso, a partire dalla condizione fisica. Sarebbe in grado di dare fin da subito una mano a questo Cagliari?

IN CAMPO – Tra marzo e aprile rientrerà anche Pavoletti, quindi è chiaro che la necessità sarebbe quella di avere un giocatore pronto adesso. Nel 4-3-2-1 varato da Maran, il croato giocherebbe nei due trequartisti alle spalle della prima punta, anche se in passato è stato impegnato anche da centravanti. Il suo ruolo naturale sarebbe quello di ala sinistra o destra, magari in un ipotetico 4-2-3-1 visto per ora solo (e raramente) a gara in corso. Nel classico 4-3-1-2 giocherebbe invece da seconda punta.

VALZER ATTACCANTI – Quello di Pjaca, tuttavia, non è l’unico nome offensivo accostato al Cagliari. Sportitalia e La Gazzetta dello Sport riportano anche l’interesse per il giovane Andrea Pinamonti, attualmente al Genoa ma di proprietà dell’Inter. Il club ligure ha l’obbligo di riscatto il 1° febbraio a 18 milioni e questo rende decisamente più complicata l’operazione rispetto a quella di Pjaca. Cagliari e Genoa dovrebbero infatti trovare la quadra anche con l’Inter. Il centravanti classe 1999 non avrebbe però problemi di lista, essendo under 22. Gli andrebbe fatto spazio solo a livello numerico e a partire potrebbe essere Alberto Cerri, che piace in Turchia (al Besiktas) e in Italia alla Spal.