Calciomercato Cagliari, interesse per Fazio

cagliari fazio
© foto Roma 02/07/2020 - campionato di calcio serie A / Roma-Udinese / foto Insidefoto/Image Sport nella foto: Federico Fazio

Il Cagliari è alla ricerca di un centrale difensivo da regalare a Di Francesco, il nuovo nome sul taccuino della società è Federico Fazio

Sfumato l’affare Juan Jesus con la Roma – il giocatore ha declinato l’offerta del Cagliari per accettare quella del Genoa dell’ex Maran – la società isolana ha messo nel mirino, sempre dai giallorossi, Federico Fazio. Il tecnico Di Francesco conosce bene il giocatore con cui ha condiviso l’esperienza nella capitale arrivando insieme alla semifinale di Champions League poi persa contro i Reds di Liverpool. Il centrale di difesa argentino, classe 1987, è stato messo ai margini dal progetto giallorosso del tecnico Paulo Fonseca e rappresenta un esubero di lusso per la Serie A. A 33 anni porta con sé ancora tanta voglia e soprattutto esperienza maturata in questi anni tra club, ha militato in Premier League con la maglia del Tottenham e nella Liga con il Siviglia, e nella nazionale albiceleste.

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!

CHI È FEDERICO FAZIO – Oltre a saper difendere in queste stagioni è andato regolarmente in goal, 121 presenze e 10 reti che per un difensore sono un bel bottino. La sua qualità migliore è senza dubbio la fisicità, 195 cm di altezza lo rendono uno dei difensori più fisicamente imponenti del campionato. La sua statura lo porta ad essere molto abile nel gioco aereo, sia in fase difensiva che in fase offensiva: la maggior parte dei goal messi a referto sono arrivate con conclusioni aeree su palla inattiva. Avere una stazza fisica cosi importante costringe Fazio a peccare sulla velocità negli spazi aperti, questa mancanza è stata spesso evidenziata nell’affrontare avversari rapidi nello stretto e scattanti nel lungo. Il Cagliari ci pensa e l’argentino potrebbe essere una concreta occasione per puntellare la difesa del mister Di Francesco in vista della nuova stagione.

A cura di Emanuele Olla