Cagliari-Torino 4-3, la cronaca

© foto www.imagephotoagency.it
 
 
Cagliari e Torino si sfidano in quel di Quartu Sant’ Elena in uno stadio a porte chiuse a causa delle vicende che vedono coinvolto il presidente Cellino, ora in carcere, in una partita dove si deciderà il futuro di ambedue le squadre. Cagliari che rispetto alla vittoria di Pescara effettua due cambi con Astori che rientra al suo posto al centro della difesa al posto di Ariaudo e da capitan Conti che prende il posto di Casarini in cabina di regia.  
Al 14′ dopo una fase di studio, prima azione della partita per il Cagliari con un destro di Cossu che termina di pochissimo a lato. 3′ dopo Vives al volo dalla distanza impegna Agazzi che blocca il pallone in due tempi. Al 33′ su una punizione da ottima posizione battuta da Cossu, Rossettini non arriva di un soffio all’impatto col pallone mancando così il possibile vantaggio. Al 36′ il Cagliari si porta in vantaggio con un calcio di rigore trasformato da Sau e concesso per un fallo di Ogbonna nei confronti del bomber di Tonara che stava per calciare indisturbato. Al 41′ un sinistro di Cerci dalla distanza deviato da un difensore è facile preda per Agazzi. Passano 2′ ed occasionissima per il Torino con un colpo di testa di Glik che Pisano salva sulla linea di porta. Al 45′ Nainggolan prova un destro dalla distanza che finisce sul fondo.
 
Al 1′ del secondo tempo il Torino raggiunge il pari con un gran diagonale di Cerci che non lascia scampo ad Agazzi. Al 7′ una punizione calciata da Conti è bloccata senza particolari problemi da Gillet. All’ 8′ il Torino si porta clamorosamente in vantaggio con Stevanovic che ribatte in rete un’uscita di Agazzi su un cross di Cerci dalla fascia destra. 3′ più tardi Pulga sostituisce Avelar, completamente travolto da Cerci nei primi 10′ di questa seconda frazione di gioco per inserire Perico che si sistema sulla destra con Pisano che si sposta sulla sinistra. Al 15′ Cerci serve un grandissimo pallone in profondità a Bianchi che di prima intenzione trova Agazzi che in tuffo blocca. Al 20′ secondo cambio per il Cagliari, fuori uno spento Ibarbo e dentro Pinilla. 2′ dopo sostituzione anche per il Torino, entra Birsa al posto dell’autore del goal Stevanovic. Al 30′ il Cagliari pareggia con un imperioso stacco di testa di capitan Conti su un grandissimo assist di Cossu che s’insacca imparabilmente alle spalle di Gillet. Al 36′ su una punizione battuta da Cossu, Pinilla di testa serve Perico che al volo di destro calcia sopra la traversa. 3′ più tardi terzo cambio per i padroni di casa con Cabrera che entra al posto di Cossu, sicuramente il migliore in campo per i padroni di casa. Al 40′ i padroni di casa si riportano in vantaggio ancora per un calcio di rigore concesso per un fallo ancora di Ogbonna nell’occasione anche espulso ma stavolta nei confronti di Pinilla, dal dischetto si presente quest’ultimo che non sbaglia portando i suoi sul 3-2. 2′ dopo il Torino rimane in 9 uomini per l’espulsione del neoentrato Diop che rifila una manata in faccia ad Ekdal a gioco fermo. Al 44′ Ekdal ci prova con un destro dal limite dell’area che sfiora il palo alla sinistra di Gillet. Al 1′ dei 5′ di recupero concessi dall’arbitro il Torino raggiunge il clamoroso pareggio con un penalty battuto da Bianchi e concesso per un ingenuo fallo di Astori sullo stesso numero 9 granata. All’ultimo respiro il Cagliari raggiunge la vittoria con un tiro di Conti dai 35 metri che complice la deviazione di un difensore beffa Gillet e fà raggiungere 3 punti ai sardi che in virtù di questa vittoria staccano la terz’ultima di 10 punti aspettando il posticipo tra Lazio e Pescara.   
Articolo precedente
Conti: “Vittoria importantissima per la salvezza”
Prossimo articolo
Cagliari-Torino, le pagelle dei rossoblu. Immenso Conti