Cagliari-Spezia, Klavan il peggiore in campo

© foto 28-10-2020 Cagliari, Sardegna Arena, Coppa Italia, Cagliari-Cremonese. Foto Gianluca Zuddas/CagliariNews24.com. Nella foto: Klavan

Cagliari-Spezia è terminata sul 2-2. I liguri hanno trovato il pareggio al 94’ grazie al gol di Nola su rigore concesso per fallo di Klavan

Il Cagliari si è visto scippare i 3 punti sulla sirena, come si dice nel basket, da un goal di Nzola al minuto 94’. Gli aquilotti dopo essere passati in vantaggio nel primo tempo grazie a Gyasi, hanno subito la rimonta rossoblù nella seconda frazione di gioco firmata da Joao Pedro Pavoletti. Nel finale, quando l’arbitro Marini aveva già il fischietto in bocca, un maldestro intervento di Klavan su Piccoli ha concesso il rigore allo Spezia, che ha decretato il risultato finale di parità. La prova del centrale estone non è stata per niente positiva, doveva rimpiazzare Godin ancora ai box causa Covid-19, ma così non è stato. Il numero 15 rossoblù ha fatto rimpiangere l’assenza del compagno uruguagio, andando sempre in difficoltà e concludendo la sua prestazione negativa con un rigore causato. Nel primo tempo, in cui tutto il Cagliari ha giocato una partita opaca, è stato sempre attaccato alle spalle da Nzola che in più occasioni si è presentato nell’area di Cragno facendo tremare i rossoblù. Sul primo goal dello Spezia divide le colpe con il compagno Carboni: su un crosso rasoterra di Bastoni i due cagliaritani restano immobili non curandosi di attaccare la palla e seguire il taglio dell’avversario sul secondo palo, la sfera attraversa tutta l’area di rigore e giunge sui piedi di Gyasi che solo a pochi passi dalla linea di porta la sbatte dentro. Nel secondo tempo il ruolino di marcia per Klavan non cambia, la sua squadra attacca di più e soffre meno, ma quando c’è da difendere mostra sempre grosse difficoltà e insicurezza. La ciliegina sulla torta giunge al 93’ quando un pallone diretto a Piccoli in area di rigore tenta di essere giocato in anticipo dal difensore, ma il rossoblù manca completamente la palla trovando solo il piede dell’avversario: per l’arbitro è calcio di rigore, che porterà al goal di Nzola per il definitivo 2-2.

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!