Cagliari-Samp, il Comune dice no al pubblico: sardi furiosi. Pili: “Non è più una questione sportiva”

© foto www.imagephotoagency.it

Come prevedibile, vista l’inchiesta che coinvolge lo stadio Is Arenas, il Comune di Quartu ha negato l’autorizzazione in deroga all’apertura dello stadio ai tifosi. In via Eligio Porcu nessuno si è voluto prendere la grossa responsabilità. “Sono disposto a firmare”, ribadisce Mauro Pili ai microfoni di Videolina. Intanto da viale La Playa minacciano di non scendere in campo domenica. Prende corpo l’ipotesi di mandare un campo la formazione Primavera, allenata da Vittorio Pusceddu. Il deputato Pili ha inoltre dichiarato, durante una sopralluogo allo stadio Is Arenas, avvenuto questa mattina, che “Nelle prossime ore chiederemo l’intervento nazionale dell’Osservatorio e del Ministro. La Cancellieri, deve assurmersi, una volta per tutte, l’onere della decisione. Non può accettare che stadi come il Dall’Ara, come il San Paolo di Napoli, possano restare aperti, e quello nuovo di Is Arenas chiuso”, . Infine il parlamentare sardo dichiara che “Non è più una questione sportiva, esula dal tema di una partita di calcio, è qualcosa di molto più importante: la squadra simbolo della Sardegna. Non possiamo accettare queste discriminazioni nazionali, anche per responsabilità locali”. 

Articolo precedente
“Esponi il tuo cuore”, il 5 marzo la consegna dei premi ai vincitori
Prossimo articolo
“Accadde il 4 marzo”