Cagliari, riavvolgi il nastro e riparti

© foto www.imagephotoagency.it

Il Cagliari deve voltare pagina e lasciarsi alle spalle le ultime nebulose settimane. Parola d’ordine ripartire dalle tante certezze. Dalle 21 vittorie stagionali, al miglior attacco del torneo, facendo però i conti con una difesa non più impenetrabile. Sabato contro il Brescia Storari e compagni sono chiamati a ritrovare il successo casalingo che manca dal 20 febbraio, quando gli isolani si imposero al Sant’Elia sul Pescara di Oddo.

 

Ne è passata di acqua sotto i ponti. Ora il Cagliari, privo dell’infortunato Melchiorri, stenta a trovare la via del gol. Farias alterna grandi prove ad altre meno buone, Sau è stato invece frenato da una precaria condizione fisica. Da loro, così come da Giannetti e Cerri, ci si aspetta un cambio di marcia. La responsabilità del calo di rendimento del reparto offensivo non è però attribuibile ai soli attaccanti. Il centrocampo, che nelle ultime settimane ha alternato numerosi interpreti, latita e la difesa va spesso in confusione. Non aiutano gli stop di Ceppitelli e Di Gennaro, due elementi chiave della formazione di Rastelli, ma questo Cagliari è stato costruito per essere più forte delle assenze. Sabato i rossoblù dovranno dimostrare di esserlo veramente.

Articolo precedente
Cagliari, partitella ad Asseminello. Ancora differenziato per Ceppitelli e Di Gennaro
Prossimo articolo
Giulini avvisa Rastelli: «Valutazione positiva, ma a fine stagione vedremo…»