Connettiti con noi

News

Cagliari, quanto è lunga e affollata la lotta alla salvezza

Pubblicato

su

Il Cagliari ha mostrato nell’ultima partita di volere a tutti i costi la salvezza, un percorso lungo da condividere con altre squadre

La rincorsa per raggiungere la salvezza, probabilmente, non è mai stata per il Cagliari così stancante, disperata ed estremamente complicata. Gli uomini di Leonardo Semplici, infatti, hanno alternato buone prestazioni ad altre negative, al punto da mettere in dubbio la volontà della squadra di salvarsi e di continuare a competere nella massima serie. Nell’ultima partita, però, la musica è cambiata: si è visto un Cagliari guerriero che ha sofferto e lottato fino all’ultimo minuto della partita con il Parma, riuscendo a ribaltare il risultato, a imporsi tra le mure amiche della Sardegna Arena e a riscrivere il destino di un match che sembrava ormai segnato.

Un percorso simile è quello del Torino, sebbene meno discontinuo in confronto a quello rossoblù. Da quando Davide Nicola ha preso sulle spalle i granata, il Cuore Toro ha ricominciato a battere, facendosi sentire a ogni partita, anche in quella di ieri sera, quando una Roma con giocatori meno prestanti rispetto a quelli esibiti contro l’Ajax, ha dovuto alzare bandiera bianca dinanzi al gioco, allo spirito e alla conseguente rimonta dei torinesi. Il calendario della squadra del Gallo Belotti non è poi così complicato, all’appello manca ancora il recupero del match contro la Lazio, partita fondamentale per il suo destino.

A cadere e ad essere sempre più in crisi è la Fiorentina. Il ritorno di Beppe Iachini in panchina sembra aver riportato alla luce anche quei problemi ormai messi da parte. Il talento e la voglia del bomber Vlahovic non sono più sufficienti per una squadra di cui si mette in dubbio il desiderio di salvarsi. La cappa di negatività intorno a Firenze si fa sempre più fitta, la paura di retrocedere è tanta così come la consapevolezza che è necessario fare molto di più.

Anche il futuro delle neopromosse Spezia e Benevento è appeso a un filo. Per entrambe le compagini un inizio di stagione brillante, vittorie contro le big, un gioco e una tecnica invidiabile nonostante i pochi nomi importanti. Ma, come sappiamo, il calcio è imprevedibile, tutto può accadere. Anche quello che sembrava sicuro, improvvisamente, si fa fragile. È quello che è successo alle squadre di Vincenzo Italiano e Filippo Inzaghi, vittime dei loro stessi errori e delle loro disattenzioni. Se il calendario dei liguri si fa sempre più proibitivo, i sanniti devono tener conto di un dato: solo una vittoria nelle ultime 15 partite.

La lotta alla salvezza diventa sempre più affollata per il Cagliari. L’obiettivo è sbaragliare le contendenti, come? Con una vittoria a Udine, alla Dacia Arena con lo stesso spirito, lo stesso carattere e la stessa mentalità con cui si è scesi in campo sabato. Altri 3 punti sarebbero preziosissimi, potrebbero dare la carica ai rossoblù che potrebbero così iniziare a spiccare il volo.