Cagliari-Pescara, i numeri della sfida del Sant’Elia

© foto www.imagephotoagency.it

Il big match della 27^ giornata del campionato di Serie B tra Cagliari Pescara in programma questo pomeriggio al Sant’Elia offre numerosi spunti di analisi. Alla sesta giornata di ritorno, la sfida tra la prima e la terza della classe potrebbe rivelarsi già determinante in ottica promozione: da una parte i rossoblu, reduci da 7 vittorie nelle ultime 8 giornate, hanno la possibilità di allungare ulteriormente rispetto al terzo posto occupato proprio dagli abruzzesi. Con 13 punti di distacco sulla zona playoff e con le prossime due sfide contro Cesena Novara da affrontare, la corsa verso la Serie A potrebbe già avviarsi verso la discesa nelle restanti 13 giornate. Dall’altra parte gli abruzzesi, che nelle ultime due giornate hanno sprecato l’occasione per staccare le concorrenti in corsa per i playoff e ridurre lo svantaggio sulle due battistrada impattando contro Salernitana e Vicenza. Senza dimenticare la voglia dei padroni di casa di riscattare la sconfitta dell’andata – soprattutto per come è arrivata – e un Sant’Elia che si prepara al pubblico delle grandi occasioni, gli elementi per una sfida avvincente ci sono tutti. 

 

CAGLIARI – I numeri del Cagliari a questo punto della stagione sono da autentica schiacciasassi: 7 successi nelle ultime 8 giornate, l’unico stop è arrivato alla prima di ritorno in casa del Crotone, e una differenza reti di 14 a 3 che dimostra ancor di più la netta superiorità della squadra di Rastelli. Tra le mura amiche, i rossoblu vanno a caccia del successo numero 13 in 14 partite disputate in questa stagione, mentre più in generale, considerando anche l’ultima stagione di Serie B del 2003/04, sono 28 le gare senza sconfitte, con un bilancio di 23 vittorie e 5 pareggi. Una striscia positiva certificata non solo dai numeri straordinari dell’attacco, ma anche dall’imbattibilità difensiva: al Sant’Elia, la porta rossoblu è inviolata da ben 323′, l’ultima rete incassata è quella di Rosina al 37′ della sfida con il Bari del 19 dicembre scorso. Due mesi senza subire reti in casa, a dimostrazione della crescita complessiva della squadra e della capacità dei rossoblu di limare anche quei pochi difetti della prima parte di stagione. Una vittoria questo pomeriggio con il Pescara consenitrebbe inoltre al Cagliari di centrare il record assoluto di punti per il campionato cadetto a 22 squadre: con 61 punti in 27 giornate, i rossoblu eguaglierebbero il Sassuolo 2013/14, superando anche la Juventus 2006/07, che si fermò a 59 punti. 

 

PESCARA – Alla vigilia della sfida, secondo il tecnico degli abruzzesi Massimo Oddo è il Cagliari a dover preoccuparsi di più per l’esito del match odierno. In realtà, il Pescara è sì reduce da 9 risultati utili consecutivi, in cui ha centrato 7 vittorie consecutive ma pareggiando le ultime 2 sfide con Salernitana Vicenza. Nonostante si tratti della striscia positiva record in stagione, con l’ultima sconfitta risalente alla sfida in casa del Brescia dell’8 dicembre scorso, con soli due punti conquistati nelle ultime due partite il Delfino ha perso una grossa occasione per staccare le inseguitrici e avvicinarsi al duo in testa alla classifica. Nel caso in cui non dovesse vincere oggi, oltre a vedersi allungare il distacco rispetto alle prime due posizioni che valgono la promozione diretta, il Pescara eguaglierebbe anche la propria striscia negativa stagionale centrata tra la terza e la quinta di andata – 3 pareggi – e la 15^ e la 17^ – 1 pareggio e 2 sconfitte. 

 

TECNICI – Un solo precedente tra i due tecnici Massimo Rastelli e Massimo Oddo sinora, ed è quello risalente alla partita d’andata che ha visto gli abruzzesi vincere di misura grazie a un gol dell’attuale capocannoniere del campionato Lapadula in una gara segnata dall’espulsione di Di Gennaro nel primo tempo che grida ancora vendetta. Per Rastelli si tratta del sesto confronto in campionato con il Pescara, con un bilancio in perfetta parità fatto di 1 vittoria a testa e 3 pareggi. Il tecnico rossoblu può contare però su un andamento record nel mese di febbraio: le sue squadre viaggiano infatti alla media di 2,09 punti a partita, frutto di 13 successi, 5 pareggi e 3 sconfitte in 21 partite disputate in campionati professionistici. Per Oddo, invece, l’unico precedente da tecnico contro i rossoblu è proprio quello d’andata, mentre da giocatore sono 10 i precedenti con il Cagliari con un bilancio di 3 vittorie per parte e 4 pareggi. Per il tecnico abruzzese, anche un gol, su rigore, nella sfida del 28 novembre 2004, Lazio-Cagliari 2-3 in Serie A.

 

 

 

Articolo precedente
Cagliari-Pescara, le probabili formazioni
Prossimo articolo
Serie B, 27^ giornata: reti inviolate tra Bari e Latina nell’anticipo del San Nicola