Cagliari, Olsen saluta: scontro con la Roma per un bonus

cagliari-roma
© foto www.imagephotoagency.it

Il 30 giugno termina l’avventura di Olsen a Cagliari: scontro con la Roma per un bonus che sarebbe scattato alla 18ª presenza

Che le scadenze del 30 giugno avrebbero creato problemi si sapeva. In pochi però si aspettavano forse che Robin Olsen non sarebbe rimasto a Cagliari fino al termine della stagione. Il portiere svedese era anche reduce dall’ottima prestazione di Ferrara contro la Spal, con una parata su Cerri che ha permesso poi alla squadra di Zenga di trovare il primo successo di questo 2020. Proprio l’allenatore – ex portiere – aveva garantito un’alternanza tra lui e Cragno nel corso di questo tour de force finale. Ma già a partire da Bologna, gara in programma il 1 luglio, Olsen non si siederà nemmeno in panchina dopo aver rifiutato il prolungamento del prestito.

BONUS – Secondo La Gazzetta dello Sport, il pomo della discordia con la Roma è un bonus da 900 mila che il Cagliari avrebbe dovuto versare alla 18ª presenza di Olsen. Lo svedese ha raggiungo la 17ª proprio contro la Spal e per questo il club rossoblù ha chiesto ai giallorossi uno sconto sul bonus, considerando la situazione economica post Coronavirus. Una richiesta respinta dal club capitolino. Quando il Cagliari ha comunicato al portiere di proprietà dei giallorossi che non avrebbe più giocato nelle restanti partite, la risposta è stata un rifiuto al prolungamento di contratto per altri due mesi. Olsen dunque ritornerà alla Roma, dove potrà solo allenarsi senza scendere in campo con la squadra di Fonseca. Il futuro per la prossima stagione è lontano dalla Capitale e viste le prestazioni sfornate in Sardegna le richieste di mercato non mancheranno di certo.