Cagliari-Milan 1-1, la cronaca

© foto www.imagephotoagency.it
 
 
Cagliari e Milan danno vita ad un pareggio che sta più stretto alla squadra di casa che gioca molto meglio degli ospiti ma non raggiungono 3 punti a causa di un arbitraggio al di sotto della sufficienza. La squadra locale schiera quasi la stessa formazione che ha giocato contro la Roma all’Olimpico la settimana scorsa tranne gli squalificati Avelar e Nainggolan rimpiazzati dal giovane Murru (classe 1994) e da Dessena. Il Milan invece schiera il tridente “delle tre creste” composto da El Shaarawy-Balotelli-Niang, che contro l’Udinese la settimana scorsa hanno sfoderato una grandissima prestazione. Primo tempo equilibratissimo con il Cagliari che trova la rete del vantaggio proprio all’ultima azione.
Al 9′, la prima vera occasione della partita è per il Milan con un tiro dai 25 metri da parte di Ambrosini che Agazzi alza sopra la traversa. 2′ più tardi Sau ci prova con il destro dal limite dell’area ma la mira non è quella dei giorni migliori. Al 12′ Cagliari ancora pericolosissimo con Ibarbo che sfrutta un errore di Mexes su un un lango di Conti ma Abate con un recupero prodigioso salva il Milan dalla capitolazione. Passano 4′ e su un cross di Niang, Rossettini compie un vero e proprio miracolo deviando in corner un pallone su cui si stava avventando Muntari tutto solo a due passi dalla porta. Al 21′ ottima azione di contropiede del Cagliari con Sau che serve un pallone d’oro ad Ibarbo che solo davanti ad Abbiati di sinistro calcia incredibilmente alto. Al 31′ un calcio di punizione dai 30 metri battuto da Balotelli è facile preda di Agazzi. Al 40′ bellissimo cross di Dessena per la testa di Astori che viene anticipato all’ultimo momento da Zapata. 2′ dopo Ekdal prova una conclusione dalla distanza senza velleità. Al 45′ il Cagliari passa in vantaggio con un imperioso colpo di testa di Ibarbo che su un perfetto calcio di punizione battuto da capitan Conti spedisce il pallone nell’angolino dove Abbiati non può proprio arrivare.
 
Al 2′ della seconda frazione di gioco Agazzi mette i brividi a tutto il pubblico cagliaritano bloccando in due tempi una punizione calciata da Balotelli. Al 5′ Cagliari vicinissimo al raddoppio con un grandissimo tiro di Daniele Conti che sorvola l’incrocio dei pali della porta difesa da Abbiati. Al 10′ la prima sostituzione della partita  la compie Ivo Pulga che sostituisce uno stanco Thiago Ribeiro inserendo Cossu.  Al 14′ primo cambio anche per il Milan con Boateng che prende il posto di uno spento El Shaarawy. Al 20′ Allegri si gioca la carta Bojan facendolo entrare al posto di Ambrosini e schierando uno spregiudicato 4-2-4. Al 24′ secondo cambio anche per gli isolani con Ariaudo che subentra al giovane Murru, autore di una buona prestazione soprattutto per la personalità dimostrata nonostante la giovane età. Al 29′ su un calcio di punizione battuto da Cossu, Ekdal di testa impegna severamente Abbiati. 1′ dopo Sau lascia il campo ed al suo posto entro Pinilla. Al 33′ dopo un’azione prolungato Ekdal prova un sinistro dal limite dell’area che sfiora di pochissimo il palo. Passa 1′ ed Allegri si gioca l’ultima sostituzione inserendo Robinho al posto di Niang. Al 35′ episodio che cambia la partita, De Sciglio entra in area di rigore calcia, miracolo di Agazzi e nella respinta Astori trattiene Balotelli e Giannoccaro concede rigore ed espulsione per il numero 13 rossublu, dagli 11 metri si presenta lo stesso Balotelli che spiazza Agazzi e pareggia i conti. I padroni di casa in 10 indietraggiano Dessena come terzino destro con Pisano a sinistra ed Ariaudo si sposta al centro della difesa al posto di Astori.  Al 43′ su corner battuto da Robinho, Mexes di testa trova Balotelli che di testa da due passi non trova la porta. Al 3′ dei 4 minuti di recupero concessi da Giannoccaro Bojan calcia di sinistro dal limite dell’area, Agazzi respinge e nella respinta di Balotelli, il numero 1 rossoblui compie un miracolo salvando la porta ed il risultato.
Articolo precedente
Cagliari-Milan, Ibarbo: “Speriamo di continuare così. Mi trovo bene con Sau”
Prossimo articolo
Muntari: “Non siamo contenti, volevamo i 3 punti”