Cagliari – Livorno 2-2. Le pagelle dei rossoblù

© foto www.imagephotoagency.it

Un pareggio amaro per il Cagliari di Massimo Rastelli, che dovrà rimandare la conquista della Serie A. Decisivo il rosso ad inizio ripresa sventolato in faccia a Munari. I gol di Giannetti e Joao Pedro non bastano. Ecco le pagelle dei giocatori rossoblù che hanno preso parte alla sfida del Sant’Elia.

Storari (6,5) – Ci sono voluti 32 minuti di gara prima di vedere una parata del capitano rossoblù. Nella ripresa para il rigore a Vantaggiato ma nulla può sulla respinta del numero 10 amaranto che insacca per il 2-1. Nessuna colpa sul gol del 2-2.

Pisacane (5) –  Partita altalenante dell’ex Avellino. Bene i primi minuti di gara e poi qualche sbavatura. Vajushi non è un cliente facile ma riesce comunque a contenerlo grazie anche all’aiuto di Balzano. Sbaglia completamente l’intervento sullo stacco di Biagianti che vale il 2-2.

Salamon (6,5) – Uno dei migliori in campo. Sempre presente in area, pulito nelle chiusure e guida con autorevolezza tutta la difesa.

Capuano (6) – Partita di ordinaria amministrazione. Buono il lavoro svolto sul centro sinistra della difesa. Richiama spesso i compagni per riportarli in posizione.

Balzano (6) –  Migliore in campo nel primo tempo. Uno dei più pericolosi sull’out di destra. Riesce più volte ad arrivare sul fondo per mettere dentro palloni pericolosi. Nella ripresa manca la sua spinta sulla destra e sul gol di Biagianti non aiuta come dovrebbe Pisacane.

Munari (4,5) – Buon primo tempo del centrocampista rossoblù. La ripresa per lui dura solo 13 minuti perché dopo un brutto intervento su Schiavone, l’arbitro estrae il rosso e lo manda direttamente negli spogliatoi.

Di Gennaro (4,5) – Primo tempo poco incisivo. Qualche conclusione col mancino quasi sempre murato. Procura il rigore al Livorno con una trattenuta all’interno dell’area rossoblù. Al 27’ lascia il posto a Tello. Tello (5), il suo ingresso in campo non riesce ad incidere.

Deiola(6,5) – Partita in crescendo del giovane di San Gavino. Nel primo tempo si propone spesso dietro le punte. Nella ripresa, col Cagliari in 10, corre tanto e procura qualche occasione importante come la punizione dal limite al 38’ della ripresa.

Murru(6,5) –  Dopo un primo tempo in sordina, terzino rossoblù, risorge nella ripresa con una prestazione convincente. Conquista un rigore prezioso al 18’ della ripresa, quando la squadra subiva l’arrembaggio del Livorno. Bene anche in fase difensiva.

Sau (6) – Solita partita di sacrificio di Marco Sau. Tanto movimento, viene incontro ai centrocampisti per prendere palla. Spesso non aiutato dai compagni, esce al 5’ della ripresa per far spazio a Joao Pedro. Joao Pedro (6,5) al 19’ trasforma il rigore che vale il 2-0: palla a mezza altezza alla sinistra. Tanta corsa e prova in più occasioni correre palla al piede per permettere alla squadra di respirare.

Giannetti (7): Uno dei migliori in campo dei rossoblù. Sblocca la partita nel primo tempo: la difesa del Livorno sale male, palla sui piedi di Giannetti che davanti a Pinsoglio non sbaglia. Lascia il posto a Cerri tra gli applausi del pubblico del Sant’Elia.

 

Rastelli (5) – E’ tutta sua la scelta del 3-5-2. Una scelta che non ha portato al risultato sperato. Qualche dubbio nei cambi. Esce dal campo al termine della gara furibondo.

Articolo precedente
Cagliari-Livorno 2-2, il tabellino del match
Prossimo articolo
Storari a fine gara: «Persa una grande occasione. Ora pensiamo al Bari»