Cagliari, Giulini: «Soddisfazione per i giovani del vivaio»

stadio provvisorio giulini
© foto www.cagliarinews24.com

All’indomani della sconfitta in Coppa Italia parla il presidente del Cagliari Tommaso Giulini, che vede il lato positivo nell’impiego di tanti giovani del vivaio rossoblù e tocca i temi di stadio e diritti tv

VIVAIO OK – Il tre a zero in casa della Sampdoria è in archivio, il presidente del Cagliari preferisce porre l’attenzione sui tanti ragazzi fatti esordire in prima squadra da mister Rastelli nella serata di Coppa Italia: «Ieri a Genova tre hanno giocato dall’inizio e altri tre sono subentrati. Una soddisfazione per la Società. Sono i primi frutti di un percorso iniziato due anni fa. Mario Beretta e il suo staff stanno facendo un lavoro eccezionale. Abbiamo destinato al settore giovanile un budget che aumentiamo ogni anno, per l’ampliamento dello staff e il miglioramento delle infrastrutture. E’ un lavoro a lungo termine – prosegue Giulini nel tempo ne vedremo il coronamento. Vorrei anche menzionare i giovani cresciuti da noi attualmente in forza all’Olbia: stanno facendo un ottimo campionato».

DIRITTI TV – Nell’intervista rilasciata ai microfoni di Radio Sportiva il numero uno del club rossoblù parla anche degli ultimi sviluppi in Lega: «La mediazione durata due, tre settimane ha portato a un voto positivo dimostrando un grande senso di responsabilità da parte di tutti. E’ un piccolo passo che, inoltre, dimostra che gli interessi della lega sono compatti da parte di tutti i club. Per poter poi dare esecuzione a quelle sono davvero le reali riforme di cui ha bisogno il nostro calcio: una Lega più forte, una attenta revisione dello Statuto e una ripartizione ben diversa che tenga conto anche delle squadre medio-piccole rendendole più competitive. Tutto ciò nell’ottica di un campionato più attraente, quindi di un prodotto maggiormente vendibile in tutto il mondo».

STADIO – Immancabile un aggiornamento da parte di Giulini sulla questione stadio, in particolare ciò che riguarda l’impianto provvisorio: «A breve dovremmo presentare il progetto esecutivo. Siamo a buon punto: il modello dovrà ricalcare quello di Is Arenas: un impianto senza barriere, dove i tifosi possano vivere novanta minuti di emozioni in simbiosi con la squadra. Siamo sulla buona strada e contiamo di averlo già dall’anno prossimo».

Articolo precedente
canziPrimavera, sabato il Cagliari fa visita al Bologna
Prossimo articolo
rastelli allenamentoCagliari, seduta mattutina: a parte Tachtsidis e Capuano