Cagliari e Genoa, i precedenti con l’arbitro Fabbri

© foto www.imagephotoagency.it

Il bilancio dell’arbitro Fabbri con Cagliari e Genoa: tra le due compagini, che contano tre precedenti ciascuna con il fischietto romagnolo, sorride quella sarda

Sarà Michael Fabbri della sezione arbitrale di Ravenna a dirigere Cagliari-Genoa, gara valevole per la prima giornata di ritorno, in programma domenica alle 12:30. Il fischietto romagnolo ha esordito in Serie A nel finale di stagione 2012/13, esattamente l’8 maggio 2013 in Cagliari-Parma, finita 0-1 per gli emiliani. Da allora il direttore di gara classe ’83 ha arbitrato complessivamente 27 gare di Serie A.

CAGLIARI – I primi fischi in Serie A di Fabbri appaiono strettamente legati al Cagliari: dopo l’esordio al Nereo Rocco di Trieste in Cagliari-Parma (vinta di misura dai crociati di Donadoni grazie al gol all’80’ di Rosi), il fischietto ravennate ha incrociato il Cagliari anche nella sua seconda direzione in massima serie. Si tratta di Cagliari-Sassuolo, conclusasi 2-2 grazie alle reti di Nenè e Sau, che recuperarono nel finale il doppio svantaggio firmato MarzoratiZaza. L’ultima, ben più recente, direzione di Fabbri risale allo scorso 18 settembre: il Cagliari si impose sull’Atalanta con un netto 3-0 (doppietta di Borriello e gol di Sau) coronando una prestazione che resta tra le più convincenti in stagione. Tre direzioni di Fabbri, una sconfitta, un pareggio ed una vittoria per il Cagliari.

GENOA – Tre anche i precedenti tra Fabbri ed il Genoa. Il primo risale alla stagione 2014/15, quando al Ferraris i rossoblù pareggiarono per 1-1 contro il Palermo. Nel 2015/16 una sconfitta, per 1-0 sul campo del Chievo Verona e nella stagione in corso il pesante 3-0 subìto all’Atleti Azzurri d’Italia dall’Atalanta. Meno fortunato, dunque, il Genoa, che con il fischietto romagnolo ha colto appena un punto in tre gare.

Articolo precedente
Genoa, Pinilla: «Cagliari? Bellissimi ricordi, in campo davamo tutto»
Prossimo articolo
ricorso curva nordRicorso Curva Nord: la Corte Sportiva d’Appello Nazionale non fa sconti