Cagliari, è tempo di ripartire

© foto www.imagephotoagency.it

Un solo punto in tre giornate, quello acciuffato in extremis nella sfida casalinga contro la Roma. E proprio dalla positiva prestazione contro i giallorossi il Cagliari sarebbe dovuto ripartire per affrontare un Bologna dimostratosi non di certo irresistibile.

 

Troppo rinunciatario l’approccio degli uomini di Rastelli, spesso affidatisi ai lanci lunghi per alzare un baricentro rivelatosi sovente troppo basso. Dopo la caduta di Genova, un altro scivolone in trasferta. Ora i rossoblù sono attesi dall’incontro in casa contro l’Atalanta, reduce dal primo successo in campionato contro il Torino. Un match significativo: se nelle sconfitte di Genova e di domenica scorsa ci sono state delle attenuanti – le insidie dell’esordio, per di più al ritorno in massima serie, a Marassi e l’inferiorità numerica sommata alla stanchezza dei nazionali al Dall’Ara – la partita di domenica contro l’Atalanta rappresenta una sorta di crocevia, non decisivo ma di grande importanza. Dopo tre partite i meccanismi di squadra sono meglio oliati ed i giocatori iniziano ad entrare realmente in forma. La classifica, seppur deficitaria, non preoccupa particolarmente, ma dopo tre giornate è lecito attendere un colpo di reni da parte di una squadra tutt’altro che inesperta. Ripartire dalla grinta di Storari, dalla fame del mai pago Padoin, dal carisma di Bruno Alves e dalla voglia di emergere di un gruppo composto da molti esordienti in Serie A. Il ritorno in massima serie, considerato il livello della campagna acquisti estiva, non è stato scoppiettante. Ma ora i rossoblù sono attesi da tre partite al Sant’Elia in quattro giornate: tre giorni dopo l’Atalanta i sardi voleranno allo Stadium per sfidare la Juventus nel turno infrasettimanale, poi le gare tra le mura amiche contro Sampdoria e Crotone. Tre partite in casa per iniziare a mettere punti in cascina, nel luogo in cui è stata costruita la scorsa promozione in Serie A.

 

Tre giornate di rodaggio nel nuovo massimo campionato possono bastare: Cagliari, è tempo di ripartire.

Articolo precedente
Ionita, intervento riuscito. Giulini: «Tornerai più determinante di prima»
Prossimo articolo
Giudice Sportivo: Storari salta Cagliari-Atalanta