Cagliari-Cremonese, il ritorno di Bisoli

© foto www.imagephotoagency.it

Questo pomeriggio, in occasione del terzo turno di Coppa Italia, l’ex rossoblù Pierpaolo Bisoli ritorna a Cagliari come tecnico della Cremonese

Oggi è un grande giorno per Pierpaolo Bisoli. Torna a Cagliari, città in cui ha giocato per ben sei campionati, collezionando 164 presenze e 5 reti. Questa volta, però, non indosserà la maglia rossoblù che ha tanto amato ma vestirà i panni di tecnico della Cremonese, la squadra che allena da marzo 2020 dopo l’esonero di un’altra conoscenza dei sardi, Massimo Rastelli. Come giocatore, a Cagliari, dal 1991 al 1997 ha incontrato grandi allenatori che hanno fatto la storia del calcio: Mazzone, Giacomini, Giorgi, Tabarez, Trapattoni e Perez. Ha portato in alto la maglia della sua squadra con sacrificio nonostante i numerosi infortuni e quelle vicissitudini belle e brutte a cui la squadra sarda ci ha sempre abituati: salvezze leggendarie, una qualificazione e la memorabile semifinale di Coppa UEFA. Bisolone come allenatore, nel capoluogo sardo non ha lasciato grandi tracce del suo passaggio, è stato come una meteora. Quando sostituì Massimiliano Allegri nel 2010 dichiarò: «Per me guidare il Cagliari è come guidare il Real Madrid: il massimo». È andato via senza infamia e senza lode ma è comunque impossibile dimenticarsi di quel centrocampista di Porretta Terme che in campo si dannava l’anima per raggiungere la gloria. Oggi Bisoli scenderà in campo per guidare i suoi uomini grigiorossi in una Sardegna Arena a lui sconosciuta dove non potrà sentire quei cori, quelle voci dei tifosi dai cuori rossoblù che lui conosce molto bene e cui era abituato.

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!