Cagliari, come stavano andando i rossoblù in prestito

despodov cagliari
© foto Elena Accardi per CagliariNews24.com

Il rendimento dei giocatori del Cagliari in prestito: ecco come stavano andando prima che il Coronavirus fermasse i diversi campionati

Il Coronavirus non ha fermato solo la Serie A. Anche il resto dell’Europa si è dovuta arrendere all’emergenza sanitaria, interrompendo obbligatoriamente i diversi campionati. In questo momento, dunque, anche i giocatori di proprietà del Cagliari ma in prestito in vari club sono a riposo forzato. Ma come stavano andando prima dello stop?

Serie A 🇮🇹

Filippo Romagna (Sassuolo) 🚑: Dopo un inizio di campionato in panchina, il centrale classe 1997 si è conquistato la fiducia di De Zerbi con 18 presenze consecutive. A partire dalla 9ª giornata, infatti, è sempre sceso in campo e la maggior parte delle volte l’ha fatto da titolare. Nell’ultimo turno prima dello stop, contro il Brescia, ha riportato la rottura del tendine rotuleo sinistro ed è stato operato. Dovrà stare fuori dai 7 ai 9 mesi. Una bella batosta per lui e per il Sassuolo. I neroverdi lo riscatteranno comunque?

Marko Pajac (Genoa) 🚑: Il croato ha giocato con il singhiozzo nel Genoa. Non aiutato dagli infortuni e dai continui cambi in panchina di Preziosi. Ha collezionato 11 presenze. Non ha giocato per 8 partite: le ultime 5 le ha saltate per un’infiammazione.

Alessandro Deiola (Lecce) ✅: In Salento è rinato. Liverani non ha potuto fare a meno di lui, schierandolo sempre titolare nellle 8 partite in cui l’ha avuto a disposizione, reinventandolo addirittura come mediano davanti alla difesa. In 8 presenze con il Lecce ha segnato anche un gol, splendido contro il Torino (4-0), e servito un assist nel disastroso 7-2 interno contro l’Atalanta.

Diego Farias (Lecce) 🚑: Sicuramente meno brillante l’esperienza leccese del brasiliano, caratterizzata da tanti infortuni. Ha giocato appena 12 partite, segnando un gol nella vittoria esterna di inizio campionato contro il Torino. Poi sono arrivati i problemi muscolari, che l’hanno tenuto lontano dal campo anche nelle ultime 8 giornate prima dello stop.

Lucas Castro (Spal) 👎🏻: Arrivato a Ferrara a gennaio, è stato da subito lanciato titolare, sia da Semplici, nel 5-1 con la Lazio, sia da Di Biagio. Con lui in campo però sono arrivate solo sconfitte. Nell’ultima vittoria contro il Parma (1-0), infatti, è rimasto per 90′ in panchina.

Alberto Cerri (Spal) 🚑: Il Cagliari l’ha ceduto infortunato alla Spal. Non ha avuto modo di esordire con la maglia estense, già indossata nel 2016-17. Ha solo assaporato la panchina nell’ultima gara vinta contro il Parma.

Liga (Spagna) 🇪🇸

Filip Bradaric (Celta Vigo) 📈: Il ritorno a inizio stagione all’Hajduk Spalato è durato solo pochi mesi. A gennaio, infatti, il regista croato ha cambiato aria, passando in Spagna al Celta Vigo, per sostituire Lobotka, nel frattempo trasferitosi al Napoli. In Liga, Bradaric ha giocato 4 partite, rimediano tra l’altro un cartellino rosso nella partita contro il Leganes. Tuttavia con lui in campo, il Celta è imbattuto. Ha anche giocato titolare nel prezioso 2-2 al Bernabeu contro il Real Madrid.

Bundesliga (Austria) 🇦🇹

Kiril Despodov (Sturm Graz) ⚽🚑: Per rendimento, il bulgaro è probabilmente il migliore tra i rossoblù in prestito. C’è da valutare però il campionato oggettivamente di categoria inferiore rispetto a quello italiano. Tuttavia, allo Sturm Graz si è messo in mostra segnando complessivamente 7 gol e servendo 7 assist in 13 partite, tra campionato e ÖFB-Cup. Titolare inamovibile, ha giocato principalmente come ala destra, disimpegnandosi talvolta anche sulla sinistra, da prima punta e da trequartista. Spicca soprattutto la tripletta segnata al St. Pölten.

View this post on Instagram

Great Win⚽️

A post shared by Kiril Despodov (@despodov32) on

Prima della ripresa, Despodov per la pausa invernale, si è infortunato e operato alla caviglia. Ha avuto modo di rincontrare Pavoletti, al suo secondo intervento chirurgico della stagione, e lavora per ritornare “più forte di prima”, come ha scritto lui stesso sui social.

Jupiler Pro League (Belgio) 🇧🇪

Senna Miangue (Standard Liegi) ❌: Al secondo anno in prestito allo Standard Liegi, il terzino sinistro sta trovando pochissimo spazio: ha giocato appena 3 spezzoni di partita, per un totale di 32 minuti complessivi. Prima dell’interruzione, il 7 marzo, ha giocato 12′ nello 0-0 casalingo contro il Sint-Truiden.

Serie B 🇮🇹

Gugliemo Vicario (Perugia) 🧤: Nonostante l’attuale 12° posto in classifica della sua squadra, il portiere acquistato dal Cagliari in estate e girato in prestito in Umbria, si sta confermando tra i migliori nel suo ruolo nel campionato cadetto. Sempre titolare (tranne in due partite di Coppa Italia), Vicario ha mantenuto la porta inviolata in 6 occasioni. È il 4° per media-voto tra i portieri della B con 6,343. Ha anche parato un rigore a Mazzeo nel match vinto contro il Livorno.

View this post on Instagram

Special moments 💫⚽️1️⃣⚪️🔴

A post shared by Guglielmo Vicario (@guglielmovicario) on

Simone Pinna (Empoli) 🚑: Dopo l’esordio in Coppa Italia e quello in campionato con il Cagliari, la stagione del terzino sardo è diventata una parabola discendente. Con Maran non ha trovato più spazio e a gennaio è stato mandato all’Empoli in Serie B per giocare e crescere. Finora però ha collezionato solo panchine ed è stato successivamente fermato da un infortunio al bicipite femorale destro.

Fabrizio Caligara (Venezia) 📈: Il prestito al Venezia è stato finora altalenante, tra panchine e le 11 partite giocate, per un totale di 584′. Nell’ultima gara persa contro il Crotone per 3-1 ha segnato il suo primo gol in Serie B.

Damir Ceter (Chievo Verona) 🚑: L’avventura del colombiano al Chievo è iniziata malissimo, con un infortunio che l’ha tenuto lontano dal campo fino a novembre. Piano piano si è ritagliato il suo spazio, fino al gol e rigore procurato nel 2-0 sul Perugia di Vicario. Il punto più alto della sua stagione, che si è interrotta nuovamente per un altro infortunio.

Serie C 🇮🇹

Luca Crosta (Renate) ❌: La sua stagione era iniziata a Olbia. Tra ottobre e dicembre si era anche conquistato il posto da titolare. A gennaio ha deciso di cambiare aria e andare al Renate, dove però finora è sempre rimasto in panchina.

Roberto Biancu (Olbia) 📉: Punto fisso dell’Olbia da diverse stagioni, il giovane classe 2000 è tra i titolari inamovibili della squadra. I risultati non sono stati però fin qui positivi e da quando i bianchi sono tornati a vincere lui è rimasto fuori. Ha segnato 3 gol in 24 partite.

Nunzio Lella (Olbia): Anche l’ex Primavera del Cagliari è sempre stato impiegato, spesso da titolare e per tutti i 90′, compreso nelle ultime tre vittorie consecutive. In 27 partite ha segnato un gol contro la Pistoiese.

View this post on Instagram

👀

A post shared by Nunzio Lella (@nunzio_lella_) on