Cagliari-Atalanta, i precedenti: ottimo il bilancio rossoblù

© foto www.imagephotoagency.it

Il Cagliari continua a preparare la sfida contro l’Atalanta in programma domenica alle 15 al Sant’Elia. Una partita che rappresenta una sorta di snodo per la squadra di Rastelli, reduce da un solo punto in tre partite con l’aggravante di un gioco poco convincente. L’Atalanta, invece, dopo due sconfitte in altrettante giornate, ha trovato il primo successo in campionato nella sfida dell’Atleti Azzurri d’Italia contro il Torino.

 

I precedenti tra i due club in terra sarda sono ben 29. Il bilancio sorride ai padroni di casa, che vantano 16 vittorie, 9 pareggi e solo 4 sconfitte.

 

GLI ALBORI DEL MATCH – Il primo incontro tra Cagliari ed Atalanta in Sardegna risale alla stagione di Serie B 1931/32: i sardi si imposero con un sonante 3-0 grazie alla doppietta di Ostromann ed al gol di Filippi. La prima sfida in Serie A è datata invece 15 novembre 1964: il Cagliari di Silvestri, alla prima esperienza nella massima serie, sfidò l’Atalanta all’Amsicora e perse di misura, complice il gol di Magistrelli. Per il primo successo isolano in massima serie bisogna attendere due anni: nella stagione 1966/67 i sardi si vendicarono sportivamente mandando al tappeto l’Atalanta con un secco 3-1. Sul match forte l’impronta di Boninsegna, autore di due reti.

 

GLI ULTIMI DIECI ANNI – L’ultimo decennio di incontri nell’isola tra Cagliari ed Atalanta si apre con il successo del Cagliari di Giampaolo sull’Atalanta di Colantuono: al Sant’Elia la gara si conclude 2-0 grazie ai gol di Suazo e Pepe. Nel 2007/08 è ancora successo rossoblù: a regalare tre punti ai suoi è Acquafresca su rigore. La sfida del 2008/09, vinta dall’Atalanta, porta con sé il rimpianto di non aver eguagliato il record nella storia rossoblù di cinque successi di fila in Serie A, stabilito nella stagione dello scudetto. Dopo aver battuto Udinese, Lazio, Siena e Juventus (nel famoso 2-3 dell’Olimpico), la squadra di Allegri si presenta in campo contratta e si arrende agli orobici, usciti vittoriosi grazie al gol di Cigarini. Nel 2009/10 il Cagliari torna al successo con un netto 3-0 firmato da Nenè (doppietta) e Matri. Nella stagione successiva ancora un successo dei padroni di casa, che in un desolato Sant’Elia archiviano la pratica orobica con le reti di Conti e Pinilla. Nel 2012/13 la contesa termina sull’1-1: all’esordio in un Is Arenas ancora in costruzione, i rossoblù di Ficcadenti rispondono al gol di Denis con quello di un emergente Ekdal. L’incontro successivo vede come teatro il Rocco di Trieste. All’esordio nell’edizione 2013/14 della Serie A, il Cagliari fa bottino pieno vincendo in rimonta per 2-1: al vantaggio iniziale atalantino firmato Stendardo i rossoblù rispondono con Nainggolan e Cabrera.

L’ultimo precedente tra le due compagini risale alla seconda giornata del campionato 2014/15. Il Cagliari di Zeman, in un Sant’Elia entusiasta per l’esordio casalingo in campionato, fa la partita ma non riesce a pungere e viene punito dal cinismo dei nerazzurri, letali con Estigarribia e Boakye. La rete di Cossu, arrivata su rigore ad una manciata di minuti dalla fine, si rivela inutile.

Articolo precedente
Il Benevento di Cragno e Pajac penalizzato di un punto
Prossimo articolo
Atalanta, allenamento mattutino a Zingonia. Differenziato per Pesic