Connettiti con noi

2013

Cagliari al Sant’Elia: oggi nuovo vertice in Regione

Pubblicato

su

C’è attesa per il nuovo incontro che si terrà nella giornata di oggi a villa Devoto a cui parteciperanno, oltre alla Regione e al Cagliari Calcio, anche il sindaco di Cagliari, Massimo Zedda, e i rappresentanti di Prefettura e Questura. Il vertice è stato convocato dopo l’incontro tenutosi martedì sempre in Regione alla presenza di Cagliari e Lega Calcio che di fatto ha sancito il ritorno della società rossoblù al Sant’Elia e l’abbandono definitivo all’ipotesi Is Arenas.

Nelle intenzioni, l’incontro di oggi servirà per stabilire quali siano i lavori necessari per ottenere l’agibilità dello stesso Sant’Elia. Inizialmente, infatti, aleggiava un cauto ottimismo circa la possibilità che l’impianto del capoluogo potesse accogliere le gare casalinghe del Cagliari già dall’inizio della prossima stagione. A spegnere l’entusiasmo ci hanno però pensato il prefetto e il questore di Cagliari, che nel corso di un incontro infromale tenutosi ieri pomeriggio con il presidente della Regione, Ugo Cappellacci, hanno ricordato che al momento «non è possibile quantificare i tempi per giungere all’apertura dell’impianto» poiché le numerose variabili che girano attorno al rientro del Cagliari al Sant’Elia «non sono dipendenti dall’attività della Commissione di vigilanza, ma da decisioni di competenza della stessa società e di altri enti».

Nonostante sia già stata predisposta la nuova convenzione che regola i rapporti tra Comune di Cagliari e club rossoblu sull’utilizzo dell’impianto, i tempi per la riapertura del Sant’Elia potrebbero essere più lunghi del previsto, in quanto è necessario seguire un iter ben preciso. In primo luogo, sarà necessario presentare un progetto relativo alla nuova struttura del Sant’Elia. In secondo luogo, potranno partire i lavori della Commissione provinciale di vigilanza che dovrà valutare il progetto e dare l’eventuale parere di conformità. Infine, dovranno essere effettuati i sopralluoghi necessari per concedere l’agibilità. Inoltre, per la definitiva apertura servirà anche la licenza di agibilità rilasciata dal Comune di Cagliari, indispensabile per consentire lo svolgimento delle partite negli impianti sportivi.