Cagliari, accadde oggi: i rossoblu travolgono il Bari e tornano in A

cagliari joao pedro
© foto www.imagephotoagency.it

Esattamente 4 anni fa, il Cagliari riconquistava la massima serie con la vittoria al San Nicola firmata Joao Pedro, Farias e Cerri. L’amarcord di Bari-Cagliari del 2016

Corsi e ricorsi storici. 12 aprile 1970: il Cagliari batte il Bari al Sant’Elia e può, finalmente, festeggiare la vittoria dello Scudetto. Quarantasei anni dopo, il 6 maggio del 2016, altro appuntamento con la storia. Si gioca in Puglia e in ballo c’è la promozione in Serie A. L’avversario è sempre lo stesso, il Galletto. E porterà fortuna, anche questa volta.

Il Cagliari si presenta al San Nicola con un’occasione d’oro tra le mani. È secondo e, a tre gare dal termine della stagione, ha 8 punti di vantaggio sulle inseguitrici. Per tornare tra le grandi basta un solo punto. Il Bari, quasi certo di un posto nei playoff, insegue terza e quarta piazza che permetterebbero di saltare il turno preliminare degli spareggi.

La prima occasione della gara è per i biancorossi, ma Storari fa buona guardia sull’incornata di Maniero. Il Cagliari risponde subito: al 17’ Joao Pedro gira di sinistro un cross di Farias, Micai si supera e manda in corner. L’estremo difensore barese replica 5 minuti dopo, salvando con la punta del piede su conclusione di Farias. I rossoblu insistono e trovano il vantaggio: Defendi regala la palla su rimessa laterale, Joao Pedro pesca il jolly dal limite dell’area e trafigge Micai. Il Bari reagisce e va vicino al pari in due occasioni, ma il solito Maniero è poco preciso.

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!

La ripresa si apre col raddoppio del Cagliari dopo appena 3 minuti, quando Farias chiude alla perfezione un contropiede fulmineo. I pugliesi non ci stanno e tentano di riacciuffare la partita a più riprese. De Luca fa venire i brividi ai sardi: prima colpisce il palo, poi vede negarsi un gol in rovesciata da un intervento pazzesco di Storari. Passato lo spavento, gli isolani riprendono le redini della gara e, a tempo quasi scaduto, chiudono la pratica con la rete di Cerri. Chiffi fischia tre volte e dà inizio alla festa del Cagliari, che torna in A dopo un solo anno di purgatorio.

TABELLINO: BARI-CAGLIARI 0-3

BARI (4-3-3): Micai; Defendi, Tonucci, Di Cesare, Gemiti; Romizi (72′ Puscas), Valiani, Rosina; Lazzari (58′ Dezi), Maniero (65′ Sansone), De Luca. PANCHINA: Jakimovski, Rada, Gori, Donkor, Donati, Di Noia. ALLENATORE: Andrea Camplone.

CAGLIARI (4-3-1-2): Storari; Pisacane, Ceppitelli, Capuano, Murru; Fossati, Di Gennaro (84′ Salamon), Deiola; Joao Pedro; Giannetti (58′ Cerri), Farias (72′ Tello). PANCHINA: Rafael, Barreca, Balzano, Sau, Cinelli, Krajnc. ALLENATORE: Massimo Rastelli.

ARBITRO: Daniele Chiffi di Padova.

MARCATORI: 24’ Joao Pedro, 48’ Farias, 87’ Cerri.

NOTE: ammoniti Romizi, Farias, Joao Pedro, Lazzari, Valiani.