Connettiti con noi

Hanno Detto

Brio: «Il Cagliari è tra le favorite. Forse ci sono stati problemi nello spogliatoio nello scorso anno»

Pubblicato

su

Sergio Brio ha rilasciato una lunga intervista sulle pagine de La Nuova Sardegna. Argomenti di discussione il futuro con uno sguardo alla sciagurata stagione appena passata

Sergio Brio ha rilasciato una lunga intervista sulle pagine de La Nuova Sardegna. Argomenti di discussione il futuro con uno sguardo alla sciagurata stagione appena passata. Le sue parole.

SERIE A 2 – «Sono d’accordo. Basta scorrere i nomi delle squadre: piazze come Cagliari, Bari, Palermo, Brescia, Genoa, Parma, Palermo, Pisa, Spal e Venezia rappresentano città importanti che hanno tradizione. Tutte quelle che ho citato ambiscono al salto di categoria, ma ce ne sono anche altre, tipo Como e Frosinone».

LE FAVORITE – «Senza dubbio. Liverani l’ho conosciuto proprio a Cagliari quando ero il vice di Trapattoni. E’ un ragazzo consapevole che questa stagione può riprendersi la visibilità che un po’ aveva perso. Ha voglia di riscattarsi dopo la delusione di Parma. La piazza di Cagliari è l’ideale, conosce l’ambiente, lavora in una società ambiziosa, con una tifoseria stupenda. Non sarà facile in un torneo dove oltre alle qualità tecniche servono prestanza fisica e gamba».

ROG E NANDEZ – «Sono due giocatori che fanno crescere lo spessore tecnico e agonistico della squadra. Stiamo parlando di calciatori importanti. Però con il mercato aperto al momento è difficile esprimere giudizi attendibili. La campagna acquisti in corso a torneo iniziato è un grande problema per i tecnici. Io ne ho sentiti tanti, tutti si lamentano di questo. Le squadre sembrano agenzie di viaggi: chi parte, chi viene. Poi c’è la categoria degli scontenti, quelli minano la serenità dell’ambiente».

LA RETROCESSIONE – «Non ho una spiegazione, dico solo che è stata una retrocessione assurda. La squadra era forte, aveva qualità, poi sono subentrate insicurezza e paura. Forse ci sono stati dei problemi nello spogliatoio. Ho visto tante partite e anche errori incredibili». Il fenomeno Como, nuova proprietà e un giocatore come Fabregas. «Questo è un club che ha una proprietà solida. A Fabregas piace l’Italia e anche il programma della società che dimostra di avere idee chiare». Le dirette concorrenti del Cagliari? «Ce ne sono tante. Se andiamo a vedere le squadre, Genoa e Venezia vogliono reagire dopo la retrocessione. Occhio al Pisa che viene da un grande campionato, come Benevento e Brescia. In B fa la differenza la continuità di rendimento. Anche se non hai grandi qualità tecniche, con l’aggressività, il sacrificio l’applicazione e la voglia di lottare, puoi stare in alto. Sarà un torneo combattuto fino all’ultima giornata e la storia ci racconta che è diverso dalla A. Servono giocatori adatti alla B, come li aveva il Cagliari quando è retrocesso l’ultima volta e tornato su immediatamente».

Advertisement

News

Video

Cagliari News 24 – Registro Stampa Tribunale di Torino n. 50 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 – PI 11028660014 Editore e proprietario: Sportreview s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a Cagliari Calcio S.p.A. Il marchio Cagliari Calcio è di esclusiva proprietà di Cagliari Calcio S.p.A.