Connettiti con noi

Avversari

Bologna, Mihajlovic: «Cagliari? Sappiamo che non sarà facile domani»

Pubblicato

su

Sinisa Mihajlovic, tecnico del Bologna, ha rilasciato alcune dichiarazioni prima del match contro il Cagliari. La sue parole.

Sinisa Mihajlovic, tecnico del Bologna, ha rilasciato alcune dichiarazioni in conferenza stampa prima del match contro il Cagliari. La sue parole raccolte da TMW.

SITUAZIONE – «Domani è una partita che dobbiamo cercare a tutti i costi di portare a casa. Non dobbiamo farci ingannare dal loro ultimo posto. Siamo usciti per la prima volta dalla parte sinistra della classifica. Ora tra Cagliari e Sampdoria abbiamo due partite alla portata e dobbiamo ritornare dov’è il nostro obiettivo. Se domani riusciamo a vincere le cose si aggiustano un po’».

CLASSIFICA CAGLIARI – «Anche noi non è che stiamo meglio, possiamo dire di essere in difficoltà, anche se questo risultato è derivato dall’aver giocato con molte squadre più forti di noi. Sappiamo che non sarà facile domani, e nemmeno con la Sampdoria. Sono sicuro che la squadra sarà molto più aggressiva rispetto a quanto si è visto a Napoli, dove in 45′ minuti abbiamo fatto 5 falli: se giochi così non puoi vincere con nessuno. Dobbiamo fare la gara che abbiamo preparato, con più aggressività».

DIFESA A TRE – «Penso di si. Io so che giocando così perdo qualcosa nel pressing offensivo, però so che magari guadagno qualcosa nella compattezza difensiva, poi dipende da tante cose. Devo vedere anche altre cose. A me personalmente questo modo di giocare non fa impazzire, ma devo cercare di capire la squadra, come loro si sentono più protetti».

ARNAUTOVIC – «Arnautovic sta bene, penso che domani ci sarà. Il fatto che oggi ci sia Binks qui con me non è relativo a domani, ma quando ha giocato ha fatto bene, quindi potrebbe. Deciderò, però, domani mattina».

SCHOUTEN – «Dovete chiederlo ai dottori. Domani non ci sarà».

EPISODI BOLOGNA – «Io gli ho detto che non dobbiamo pensare agli arbitri perché sono cose che non dipendono da noi, non dobbiamo trovare gli alibi in queste cose qui. Al contrario, dobbiamo pensare a noi stessi, e continuare a giocare come sappiamo. Sicuramente c’è un po’ di confusione in tutto. Noi siamo la squadra con il maggior numero di espulsioni e più rigori contro, però non mi sembra una squadra di cattivi. E’ una storia che si ripete perché mi ricordo di essermi lamentato anche l’anno scorso. Ma dobbiamo andare in campo pensando solo a noi stessi, cercando di stare più tranquilli, gestendo meglio l’emotività. Tutto questo vale anche per me».

DOMINGUEZ – «Si anche se sono convinto che è tutto parte del suo percorso di crescita che tutti i giovani che sono qui devono fare. Si sta adattando bene a questo nuovo ruolo, e questo è anche grazie al suo carattere».

PUBBLICO – «Assolutamente si, perché come ho sempre detto questo è un pubblico che durante la gara è sempre presente e sempre in aiuto. Questo conta molto anche per la testa dei ragazzi che tirano fuori la grinta.. Spero che anche domani sia così».