Verso Atalanta-Cagliari, il punto sulla squadra di Gasperini

© foto www.imagephotoagency.it

Domenica alle 15 il Cagliari farà visita alla sorpresa di stagione. L’Atalanta viaggia sulla scia delle grandi e sogna l’Europa League, distante un solo punto

Dopo il pareggio colto in extremis al Sant’Elia contro il Bologna, il Cagliari mette nel mirino la trasferta di Bergamo contro l’ Atalanta. Una sfida particolarmente insidiosa, in un campo storicamente avaro di punti per i rossoblù e contro una compagine che viaggia ad una media di 1.77 punti a partita. Dopo quattro sconfitte nelle prime cinque gare (compreso il pesante 3-0 rimediato al Sant’Elia), Gasperini è riuscito a trovare la quadra e la compagine nerazzurra si è trasformata, cogliendo 8 vittorie ed 1 pareggio nelle successive nove uscite. Ultimamente gli orobici hanno rallentato perdendo contro squadre attrezzate per i piani superiori come Juventus e Lazio, ma sono riusciti a restare nella scia delle grandi, precedendo il Milan nella corsa all’Europa League. Il bottino di 39 punti fin qui raccolto dagli orobici è frutto di una mentalità che anche lontano dalle mura amiche dà i suoi frutti: la squadra di Gasperini è infatti la terza del campionato per punti conquistati fuori casa, mentre risulta soltanto al nono posto per il rendimento interno (preceduta anche dal Cagliari, settimo).

LA SQUADRA – I cambiamenti che hanno investito la squadra nerazzurra iniziano già dalla linea di porta: in estate è arrivato in prestito dalla Lazio Etrit Berisha, che ben presto ha vinto il ballottaggio con Sportiello e conquistato la titolarità. Di fronte a lui la difesa a tre, in cui Caldara è attualmente l’unico sicuro di un posto. In tre a contendersi le altre due maglie dal 1’ nella difesa orobica: Masiello e Zukanovic in vantaggio su Toloi. Il folto centrocampo a 5 sarà composto, con tutta probabilità, al centro da Freuler, Kurtic e dal rientrante Kessiè con le fasce occupate da Conti e Spinazzola. In avanti il papu Gomez di spalla a Petagna. Collante tra le due linee potrebbe essere Kurtic, che anche nell’ultimo match di Torino ha spesso accompagnato l’azione ricoprendo il ruolo di trequartista e cambiando l’assetto dall’iniziale 3-5-2 al 3-4-1-2.

Articolo precedente
allenamentoCagliari, penultimo allenamento prima di Bergamo
Prossimo articolo
spinazzolaAtalanta, allenamento a Zingonia. Ancora a parte Dramé e Konko