Asse Cagliari-Verona: non solo Ionita, in ballo anche Fossati e Rafael

© foto www.imagephotoagency.it

L’arrivo di Artur Ionita alla corte di Massimo Rastelli rappresenta un importante colpo per il centrocampo del Cagliari e certifica le ambizioni del club di Tommaso Giulini, che dopo il ritorno in Serie A vuole ora gettare le basi per la costruzione di una squadra che possa lottare per obiettivi più importanti che la salvezza tra qualche anno, quando i rossoblu si appresteranno a giocare nel nuovo stadio di proprietà i cui lavori di realizzazione dovrebbero partire al termine della stagione 2016/17.

 

ASSE DI MERCATO – Nel frattempo, il direttore sportivo Stefano Capozucca lavora sul mercato per soddisfare anche le situazioni contingenti, e in questo senso l’acquisto del forte centrocampista moldavo classe 1990 potrebbe aprire un’asse di mercato con l’Hellas Verona che interessa anche i nomi di Marco Fossati Rafael Betancourt. Il regista ex Perugia, che ha contribuito alla promozione del Cagliari in Serie A con 36 presenze e 1 gol, ha un contratto in scadenza nel 2018, ma le valutazioni tecniche fatte in sede di programmazione non lo vedono rientrare nei piani di tecnico e società, che hanno preferito puntare su nomi con maggiore esperienza della categoria per affiancare Davide Di Gennaro nel cuore della squadra.

 

LA SITUAZIONE – Stando alle indiscrezioni, il nome del centrocampista classe 1992 sarebbe spuntato durante l’incontro per Ionita tra i presidenti delle due squadre Setti e Giulini. In quella sede, il patron scaligero avrebbe chiesto al collega sia Fossati sia Barella, ricevendo un categorico rifiuto per il talento cresciuto in casa, ma una decisa apertura per il regista brianzolo. Un’operazione confermata giovedì scorso dallo stesso Capozucca poco dopo la firma di Ionita nella sede milanese della Fluorsid, e che dovrebbe concludersi sulla base di un prestito con obbligo di riscatto. A fare il percorso inverso, o meglio a tornare in Sardegna dopo gli ultimi sei mesi trascorsi in rossoblu, sarebbe invece Rafael: il portiere brasiliano, classe 1982, approderebbe stavolta a titolo definitivo per riprendere il ruolo di vice Storari, considerato l’imminente approdo in prestito di Alessio Cragno al Benevento

 

 

 

Articolo precedente
Cagliari, è fatta per Del Fabro al Pisa
Prossimo articolo
Joao Pedro: «Felice per il rinnovo, orgoglioso di poter vestire ancora il rossoblù»