Ascoli 2-1 Cagliari, le pagelle dei rossoblu

© foto www.imagephotoagency.it

 

Seconda sconfitta consecutiva per il Cagliari, che conferma il periodo negativo e anche poco fortunato, perdendo 2-1 in casa dell’Ascoli al termine di un match che non rende giustizia alla prestazione dei rossoblu. Il Cagliari paga la doppietta di Cacia nelle uniche due occasioni concesse ai padroni di casa e alcune disattenzioni difensive troppo frequenti nell’ultimo periodo. I rossoblu tengono il controllo del campo per lunghi tratti del match, letteralmente assediando la metà campo bianconera nella ripresa senza però riuscire a sfruttare tutte le occasioni create nonostante la superiorità numerica per oltre mezz’ora per l’espulsione di Bianchi in occasione del rigore commesso su Giannetti. Nel finale la squadra di Rastelli va vicina al pareggio in due occasioni ma le speranze si infrangono contro i legni della porta di Lanni. 

 

Storari 5: Si fa trovare colpevolmente fuori dai pali sul pallonetto di Cacia che costa il doppio svantaggio. Nella ripresa fa da spettatore.
Balzano 6,5: Si disimpegna bene in fase difensiva, nella ripresa spinge tantissimo sfornando numerosi cross non sfruttati però dai compagni.
Salamon 5,5: Si lascia infilare agevolmente da Cacia in occasione del raddoppio ascolano e nel primo tempo perde troppi palloni con lanci fuori misura. Meglio nella ripresa, quando si rende pericoloso dalla distanza in diverse occasioni e nel recupero va vicino al pareggio con l’ennesima conclusione che si spegne sul palo.
Krajnc 5: Anche lui come il compagno di reparto ha responsabilità sulla rete di Cacia lasciandosi infilare dall’esperto attaccante dell’Ascoli. 
Murru 6: Qualche difficoltà difensiva nel primo tempo sui tagli di Orsolini e fatica a farsi vedere in avanti. Cresce nella ripresa appoggiando con maggiore costanza l’azione offensiva.
Munari 6: Prestazione di sostanza in mezzo al campo e buona gestione del pallone in una partita in cui il Cagliari ha sempre in mano il pallino del gioco. (Dal 68′) Farias 6: Prova a dare imprevedibilità all’azione offensiva, nell’ultimo minuto di recupero va vicinissimo al pareggio ma la sua conclusione da ottima posizione si infrange sulla traversa.
Di Gennaro 6,5: La solita partita di qualità nel palleggio e nell’impostazione della manovra, senza disdegnare il lavoro di rottura in fase difensiva. 
Cinelli 5: La catena di sinistra con Murru non funziona e il Cagliari da quella parte non riesce a trovare sbocchi pur avendo campo per farlo. (Dal 52′) Tello 6: Entra con buon piglio e prova a far valere la sua qualità nell’uno contro uno. 
João Pedro 6,5: Segna su rigore il gol che riaccende le speranze rossoblu e in generale è tra i più pericolosi dei rossoblu, con alcune occasioni anche nel primo tempo e cercando l’assistenza per i compagni.
Sau 5: Costretto ancora una volta a lasciare il campo anzitempo a causa dell’ennesimo problema fisico che lo ha frenato nell’ultimo anno e mezzo. Sino a quel momento si fa però vedere pochissimo. (Dal 29′) Cerri 6,5: Entra bene in campo, trovando subito un’ottima giocata individuale da cui nasce una doppia occasione non sfruttata dai rossoblu. Lavora bene di sponda e fa sentire il suo peso nell’assedio rossoblu. 
Giannetti 6,5: Conferma il buon momento partendo subito bene e trovando due occasioni già in avvio di gara. Nella ripresa si procura il rigore che riapre la partita provocando l’espulsione di Bianchi, poi però non riesce a sfruttare due ottime opportunità trovando Lanni sulla sua strada.
 
Rastelli 6: Prosegue il momento negativo del Cagliari, alla seconda sconfitta consecutiva, la quinta nelle ultime otto partite. La prestazione odierna dei rossoblu lascia però poco spazio alle critiche, se non quella di non esser riusciti a sfruttare le numerose occasioni create. La scelta di schierare Giannetti titolare si rivela azzeccata, così come quella  di mandare in campo Cerri nel primo tempo, ma avrebbe potuto anticipare l’ingresso di Farias. 
Articolo precedente
Crotone, Juric: «Critiche ingiuste al Cagliari, sta facendo un campionato strepitoso»
Prossimo articolo
Rastelli a Sky: «Non siamo ancora in Serie A, dobbiamo ignorare le pressioni»