Antonio Cinelli, ecco chi è il nuovo centrocampista del Cagliari

© foto www.imagephotoagency.it

E’ Antonio Cinelli il primo acquisto della campagna invernale del Cagliari, che tappa così il buco lasciato dall’infortunio di capitan Dessena.

 

Cinelli è calcisticamente nato come centrocampista centrale, ma è diventato punto fermo del Vicenza di Marino nel ruolo di mezzala. Di piede destro, non disdegna gli inserimenti in fase offensiva, anche se il suo punto forte sono la corsa e la quantità in mezzo al campo. Quello che serviva a Rastelli per sopperire all’assenza di Dessena e puntare alla A.

 

LA CARRIERA – Nato a Roma nel dicembre del 1989, da i primi calci al pallone con la maglia del Casilina per poi passare alla Lazio, dove percorre la trafila delle giovanili. Dopo tre stagioni nella Primavera, di cui è stato anche capitano, viene convocato in due occasioni in prima squadra, senza mai esordire. Pur non essendo mai entrato in campo, la convocazione per la gara di Coppa Italia contro il Benevento lo ha fatto entrare di diritto nella rosa che ha vinto la Coppa Italia 2008/09. Nell’esperienza biancoceleste ci sono stati due momenti indimenticabili: l’inserimento nella lista B di Champions League nel 2007/08 e l’esordio, seppur per pochi minuti ed in amichevole, ad Anfield Road contro il Liverpool nell’agosto 2008.

 

Nella stagione 2009/10 la Lazio lo manda a farsi le ossa in Lega Pro I Divisione, al Lumezzane. Qui trova continuità e colleziona 26 presenze in campionato, senza trovare però la via della rete. L’esperienza in Lombardia porta una nuova vittoria della Coppa Italia, anche se di Lega Pro. Nell’estate 2010 il ritorno alla Lazio e la conseguente cessione in compartecipazione all Sassuolo, in Serie B. Nella stagione e mezzo in neroverde tanti infortuni e poche presenze: nel mercato invernale viene ceduto in prestito al Pavia, in Lega Pro I Divisione. In maglia azzurra scende in campo in 13 occasioni e trova il primo gol da professionista, poche settimane dopo l’esordio, a Foligno. Dopo aver dato il suo contributo per il raggiungimento della salvezza, il giocatore torna al Sassuolo per fine prestito, ma i neroverdi non rinnovano la comproprietà con la Lazio e Cinelli si ritrova fuori rosa nel club di Lotito.

 

E’ il momento più buio della breve carriera di un giocatore che, ai tempi della Primavera biancoceleste, era considerato un giovane dall’importante avvenire. Nella finestra invernale di calciomercato del 2012/13 passa a titolo definitivo al Vicenza, militante in Serie B. A fine stagione sono ben 15 le presenze inanellate dal centrocampista romano, ma il Vicenza retrocede in Lega Pro I Divisione. Nella stagione successiva diventa un punto fermo delle Lane, collezionando 30 presenze tra campionato, play-off e Coppa Italia, condite da quattro reti. Il Vicenza conclude la stagione uscendo dai play-off ai quarti, ma viene ripescato in Serie B a seguito del fallimento del Siena. Quella del 2014/15 è un’annata straordinaria per il Vicenza, che si classifica terzo a fine campionato e sogna la Serie A, ma viene eliminato in semifinale play-off dal Pescara. Grande stagione anche a livello individuale per Cinelli, che mette insieme ben 43 presenze tra campionato, play-off e Coppa Italia e segna una rete, la prima in Serie B, contro il Pescara. Curioso che l’assist glielo abbia fornito Davide Di Gennaro, allora compagno di squadra al Vicenza e che ora ritrova al Cagliari. Nella stagione corrente Cinelli è stato nominato capitano da Marino ed ha disputato 21 gare trovando la via del gol nel match vinto contro l’Ascoli (3-0 il finale) al Menti. Proprio al Sant’Elia, nella gara d’andata contro il Cagliari (vinta dai rossoblù per 2-0), l’ormai ex Vicenza ha raggiunto il traguardo delle 100 presenze con la maglia delle Lane.

Articolo precedente
Crotone, Vrenna: «Serie A? Cagliari ha una corazzata, ma noi ci crediamo»
Prossimo articolo
Cagliari, Farias: «Crotone archiviato, pensiamo alla Ternana. Giochiamo ogni gara per vincere»