Antonio Barreca – I pagelloni di CagliariNews24

© foto www.imagephotoagency.it

Arrivato a Cagliari in prestito nell’operazione che ha portato Avelar a Torino, Antonio Barreca ha collezionato 15 presenze e 3 assist con la maglia rossoblù. Il terzino sinistro classe ’95 parte da comprimario tra convocazioni in nazionale Under 21, infortuni e scelte tecniche, ed ha la prima chance all’8a giornata in casa del Novara. A fine gara arriva la seconda sconfitta stagionale per i rossoblù, con Barreca autore di una prestazione appena sufficiente. Non convocato per problemi fisici nelle successive tre gare, torna in campo nella sfida casalinga vinta per 2-1 contro il Modena: il terzino piemontese, entrato nella ripresa, offre una buona prestazione condita da ottimi spunti in fase offensiva che fanno intravedere le sue ottime qualità tecniche. Nella parte centrale del campionato il numero 3 trova finalmente continuità: Rastelli lo preferisce a Murru ed il difensore di proprietà del Torino colleziona gran parte delle maglie da titolare tra la 17a e la 31a giornata. E’ il suo periodo migliore: mette in mostra le ottime qualità offensive (dispensando assist e talvolta sfiorando la rete) e mostra miglioramenti anche in fase di contenimento. Cala leggermente – come tutta la squadra – nelle ultime gare disputate, che coincidono con il periodo di crisi dei sardi. Dopo la 31a giornata Rastelli lo relega in panchina e rispolvera Nicola Murru, che risponde con prestazioni sempre più convincenti sotto l’aspetto tattico ma anche tecnico. Barreca torna in campo solo alla 41a, contro la Salernitana, nella seconda metà del secondo tempo. Stesso copione nella gara finale contro la Pro Vercelli, in cui il terzino classe ’95 ha il merito di servire a Sau – direttamente da fallo laterale – il pallone del 2-1 finale.

 

La classica stagione di chi avrebbe potuto fare di più ma non ne ha avuto l’occasione, non del tutto. Il terzino classe ’95 quando chiamato in causa ha dimostrato di poter essere all’altezza ed ha rappresentato un’ulteriore arma per il Cagliari di Rastelli, con le sue costanti sovrapposizioni e spunti in fase offensiva che hanno spesso mandato in tilt i dirimpettai sulla fascia. Da sottolineare anche che la sana competizione con Murru per l’egemonia sulla fascia sinistra ha avuto il merito di risvegliare il terzino sardo.

 

VOTO: 6

Articolo precedente
Maccabi Tel Aviv, piace l’ex rossoblù Festa
Prossimo articolo
Polonia, Salamon tra i convocati per Euro 2016