Acerbi choc: nuova battaglia contro il tumore

© foto www.imagephotoagency.it

I fatti sono noti: al termine della gara giocata contro il Cagliari al Sant’Elia il giocatore del Sassuolo Francesco Acerbi è stato sottoposto ai controlli antidoping di routine ma qualcosa è andato storto: è risultato infatti troppo elevato il valore di gonadotropina corionica. Il primo pensiero di tanti è stato immediatamente per la battaglia che Acerbi aveva sostenuto mesi fa contro un tumore ai testicoli, sfida che sembrava archiviata con successo fino a poche settimane or sono. Il CONI ha sospeso in via cautelare l’atleta, un atto dovuto che qualcuno ha preso a pretesto per sollevare un ipotetico caso-doping di sicuro fuori luogo come sottolineato dallo stesso atleta.

Ora, come si apprende da La Gazzetta dello Sport, i più nefasti timori si sono avverati: le analisi specifiche cui si è sottoposto Acerbi in questi giorni dimostrano che l’innalzamento di quel valore corrisponde ad una ricomparsa del male.
Al di là di qualsiasi distinzione di fede calcistica, che non trova spazio quando si affrontano certi temi, l’augurio è che Francesco Acerbi possa conservare il coraggio sempre dimostrato e vincere la battaglia più importante.

Articolo precedente
Ametrano: «A Cagliari sarà partita difficile per il Napoli»
Prossimo articolo
Sant’Elia: progetto incompleto, per i 12 mila posti tutto rinviato al 2014