Accardo (NapoliSport.net): «A Cagliari in campo il Napoli dei titolarissimi»

napoli
© foto www.imagephotoagency.it

Lunedì sera il Napoli di Maurizio Sarri farà visita al Cagliari. Per analizzare il match della Sardegna Arena abbiamo raggiunto il collega di NapoliSport.net Ciro Accardo

Lo scorso ottobre il Cagliari non poté nulla contro il Napoli. Al San Paolo i campani ebbero vita facile di fronte a un avversario troppo molle e rinunciatario. Lunedì ci sarà il secondo atto della sfida. Gli azzurri, tallonati dalla Juventus, proveranno a difendere il primato in campionato. Il Cagliari però, rivoluzionato dalla cura Lopez, promette di non fare sconti alla formazione di Maurizio Sarri. In vista del Monday night in programma alla Sardegna Arena, abbiamo chiesto al collega di NapoliSport.net Ciro Accardo di analizzare le chiavi del match tra rossoblù e partenopei.

Il Napoli ha appena salutato l’Europa League. L’eliminazione dalla coppa influirà sul cammino in campionato degli azzurri?
«L’Europa League non era considerata una priorità per il Napoli. Abbiamo avuto la conferma di ciò con la formazione dell’andata. Dopo il risultato di Lipsia, c’è tanto rammarico, perché i partenopei hanno dimostrato di essere di gran lunga superiori ai tedeschi. Con un atteggiamento diverso nella sfida di Fuorigrotta, gli azzurri avrebbero raggiunto il passaggio del turno».

Sarri si è presentato a Lipsia con tanti titolari. Che Napoli vedremo alla Sardegna Arena?
«Lunedì sera vedremo il solito undici che ha sempre schierato Maurizio Sarri. Davanti a Reina, ci saranno Albiol e Koulibaly. Hysaj tornerà titolare sulla fascia destra. Sulla corsia opposta giocherà Mario Rui. Il terzino portoghese era uscito anzitempo nella gara d’Europa League ma ha già recuperato la condizione ideale. A centrocampo tornerà Jorginho in cabina di regia. Allan ed Hamsik agiranno ai suoi lati. In attacco spazio ad Insigne, Mertens e Callejon».

Il Cagliari è una delle vittime preferite di Mertens e Hamsik. Il belga ha segnato 7 gol ai sardi, mentre lo slovacco è a quota 6 centri. Saranno ancora loro i giocatori chiave contro i rossoblù?
«Certamente saranno entrambi in campo. L’anno scorso Mertens cominciò la sua strabiliante stagione da centravanti proprio nella trasferta di Cagliari, realizzando una sontuosa tripletta. Il centravanti belga guiderà l’attacco dei partenopei. Hamsik è un giocatore insostituibile. Lo ha ammesso a più riprese anche Sarri. Dopo un incipit stagionale in chiaroscuro, il Capitano sta tornando ai suoi livelli. Potrebbe lasciare la sua firma alla Sardegna Arena».

Il peso dell’attacco del Cagliari è sulle spalle di Leonardo Pavoletti. L’attaccante toscano ha avuto poche chance in Campania. In Sardegna Pavoloso sta ritrovando fiducia e gol. È il pericolo numero uno per il Napoli?
«Leonardo Pavoletti arrivò come alternativa nel reparto offensivo dopo l’infortunio di Milik. Le condizioni precarie dell’ex Genoa e l’exploit di Mertens hanno compromesso la sua brevissima avventura all’ombra del Vesuvio. Pavoletti è abile nel gioco aereo. Sarà dura la vita con Albiol e Koulibaly, ma tenterà di complicare i piani dei suoi amici napoletani».

A questo punto della stagione, con il Napoli davanti a tutte e in lotta continua con la Juventus, che aria si respira in città? Si parla di scudetto o è proibito?
«Quest’anno si respira un’aria diversa rispetto agli scorsi anni. C’è la consapevolezza di poter lottare fino alla fine contro la Juventus. Saranno 13 finali da qui al termine del campionato. Lo Scudetto non è più una parola proibita. Si proverà a compiere il miracolo. I tifosi sperano di festeggiare a maggio. Dopo quasi trent’anni…».

Articolo precedente
legrottaglieLegrottaglie: «Il Cagliari creerà tanti problemi al Napoli»
Prossimo articolo
sardegna arena cagliariCagliari, allenamento alla Sardegna Arena in vista del Napoli