Serie A, il Cts: «Italia ancora a rischio. La bolla scoppia al primo positivo»

© foto Db Reggio Emilia 09/03/2020 - campionato di calcio serie A / Sassuolo-Brescia / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: controlli Coronavirus Covid 19 termoscanner

Il professor Villani, membro del Cts, ha fatto chiarezza sulle misure precauzionali da prendere durante gli allenamenti di squadra

Il professor Alberto Villani, membro del Comitato tecnico-scientifico, è intervenuto ai microfoni di Radio Marte per fare il punto sul protocollo per la ripresa degli allenamenti delle squadre di Serie A: «Il tampone non dà certezza che un calciatore non possa diventare positivo successivamente, è la fotografia di un momento. Dipende tutto dal Coronavirus, le nostre scelte sono fatte in base all’epidemia».

«Il nostro compito è quello di valutare periodicamente le situazioni e adattare di conseguenza i provvedimenti. Se non vengono prese precauzioni, l’Italia continua a essere a rischio. La bolla sterile scoppia appena si verifica un positivo, perché il contagio si propagherebbe all’interno del gruppo ristretto», ha concluso Villani.