Ripartenza difficile, la Serie A si spacca: «Rischi incalcolabili»

cragno
© foto www.imagephotoagency.it

Ripartenza Serie A, crescono le perplessità: da Spadafora ai diversi club del campionato. Preoccupazioni sulla sicurezza dei calciatori

Non solo il Ministro dello Sport Spadafora, dal quale non traspare una grande voglia di far ripartire il campionato di Serie A. Con lui ci sono molti club come Cagliari, Spal, Torino, Brescia, Sampdoria e Udinese che hanno firmato un documento che oggi sarà al vaglio dell’assemblea.

Le più grandi preoccupazioni sono rivolte alla sicurezza e alla salute dei calciatori. Ci sono anche club di vertice che pur non avendo espresso la contrarietà alla ripresa sono molto perplessi, come Inter e Juventus. Inoltre, scrive il Corriere della Sera, il famoso protocollo elaborato dalla commissione medico scientifico federale è stato criticato da ben 17 medici dei club che ne hanno elencato le criticità.