Connettiti con noi

News

Riapertura stadi, solo la Juve al 50%? Beffa San Siro: i dettagli

Pubblicato

su

Beffa San Siro per l’Inter e tutti i tifosi nerazzurri: per pochi centimetri di spazio, il Meazza non potrà riaprire al 50% della capienza

L’allarme lanciato dall’ad Beppe Marotta sul tema riapertura stadi fotografa bene la situazione in cui rischia di finire l’Inter.  A San Siro la distanza tra due posti separati da un singolo seggiolini è di 88 centimetri, meno del metro che il governo impone alle società per riaprire al 50% della capienza.

È il comma 2 del decreto del 22 luglio, quello che allarga finalmente il bacino del pubblico negli stadi, ma che conferma anche l’obbligo di distanziamento. E su questo spazio di pochi centimetri nasce un equivoco che complicherebbe non poco la stagione delle squadre di A. Quasi tutte non potrebbero riempire per metà gli stadi, nonostante esista una legge che lo consente ovviamente a chi è in possesso di green pass. Se si fosse obbligati a considerare tra uno spettatore e l’altro non uno, ma due seggiolini vuoti, a quel punto gli stadi verrebbero riempiti soltanto al 30% circa, e non più al 50%.

L’obbligo del metro di di- stanza spalancherebbe le porte di San Siro a “sole” 25mila persone circa, 15mila in meno di quelle che Inter e Milan pensavano di poter subito ospitare. Ma lo stesso problema si allarga a (quasi) tutti gli impianti di A: dall’Olimpico al Maradona, dal Franchi al Gewiss Stadium appena ritoccato a Bergamo. Solo la Juve, con l’Allianz nato 10 anni fa, può superare l’ostacolo: i seggiolini della casa bianconera sono assai più larghi della media italiana.

I DETTAGLI SU INTERNEWS24