Connettiti con noi

Editoriale

Osimhen e l’infortunio shock: queste regole non preservano i giocatori

Pubblicato

su

Continua a far discutere il grave infortunio di Osimhen, vittima della sfortuna e di nuove regole che non preservano i calciatori

Una mazzata che forse nessuno si attendeva a caldo: l’infortunio di Victor Osimhen è di fatto ben più grave del previsto e rischia di tenere fuori l’attaccante nigeriano per circa tre mesi. Il comunicato del Napoli al termine dell’operazione è stata una doccia ghiacciata per tutti i tifosi partenopei che auspicavano un risveglio decisamente più dolce.

Uno shock tremendo, addirittura superato dalle parole del chirurgo che ha letteralmente ricostruito il volto del bomber, Gianpaolo Tartaro: «L’infortunio di Victor Osimhen non è stato una semplice fattura allo zigomo ma ha interessato anche diverse ossa del viso. Non è stato un trauma da urto, bensì da compressione: la forza cinetica generata dallo schiacciamento del viso di Osimhen contro quello di Skriniar ha creato un danno devastante. Per ricomporre le fratture ho dovuto inserire sei placche e ben diciotto viti. Le condizioni del viso del calciatore erano pessime ma garantisco che l’intervento è perfettamente riuscito».

Impossibile non considerarla una fatalità, ma è altrettanto vero che una riflessione più profonda vada fatta. Su come sta evolvendo il gioco e su come e quanto le nuove regole incidano sulle dinamiche. Chiunque abbia giocato a calcio conosce perfettamente la differenza tra colpire l’avversario con una gomitata e allargare il braccio per proteggersi. Uniformare o quasi le sanzioni disciplinari ha creato equivoci pericolosi nei comportamenti dei giocatori, costretti spesso a movimenti innaturali.

Perché forse l’incidente di Osimhen non sarebbe successo se lui e Skriniar fossero saltati come ai “vecchi tempi”, senza il timore di incorrere in un rigore o in un cartellino. Così come l’altro pauroso scontro frontale tra Ospina e il centravanti dell’Inter Dzeko si sarebbe potuto magari evitare. E chissà quanti altri ancora ne potranno succedere per “colpa” di queste regole che cozzano con il buon senso e, soprattutto, non preservano l’incolumità dei calciatori.

Advertisement

News

Video

Cagliari News 24 – Registro Stampa Tribunale di Torino n. 50 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 – PI 11028660014 Editore e proprietario: Sportreview s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a Cagliari Calcio S.p.A. Il marchio Cagliari Calcio è di esclusiva proprietà di Cagliari Calcio S.p.A.