Cagliari, Rastelli: «Stiamo gettando le basi per un futuro importante»

© foto www.cagliarinews24.com

Terza stagione sulla panchina del Cagliari per Massimo Rastelli. Il tecnico si è raccontato ai microfoni di Radiolina a tre giorni dalla sfida col Chievo

A meno di ventiquattro ore dal ko casalingo contro il Sassuolo, Massimo Rastelli ha analizzato la prova dei rossoblù ai microfoni de “Il Cagliari in diretta” su Radiolina: «Ieri non si è visto il solito Cagliari, ma i ragazzi hanno comunque dato tutto in campo. Nel finale abbiamo provato ad allargare la difesa del Sassuolo, così siamo riusciti a creare qualche occasione pericolosa con Giannetti. Niccolò si è fatto trovare pronto, purtroppo però non è stato fortunato. Ieri avrebbe meritato sicuramente il gol. Pavoletti? Nel secondo tempo Leonardo ha chiesto il cambio a causa di un affaticamento ai flessori. È molto stanco, sta recuperando velocemente ma non è ancora il Pavoletti che tutti conosciamo». Archiviata la sconfitta, il Cagliari tornerà in campo già domenica. «Quella col Chievo – continua il 48enne di Torre del Greco – sarà un’altra gara delicata. I clivensi sono una squadra tosta, esperta». Contro i veneti probabilmente Rastelli dovrà fare a meno di Ceppitelli. «Non credo che Luca recupererà. In questi giorni valuteremo le sue condizioni».

I SINGOLI – Nelle ultime settimane è salito in cattedra il 20enne Barella. «Nicolò sta dimostrando quanto vale. Mi auguro possa trovare continuità di rendimento. È un ragazzo maturo, in questi mesi ha sorpreso un po’ tutti». Attendono ancora una chance invece Deiola, Romagna Miangue. «Non mi piace lasciare nessuno per strada. Alessandro ha avuto due infortuni nel corso della preparazione, avrà presto la sua occasione. Romagna e Miangue? La società ha investito tanto su questi ragazzi. Li butterò nella mischia al momento giusto». Sulla via del recupero Federico Melchiorri. «È quasi prontosi sta allenando regolarmente col gruppo». Tanta voglia di Cagliari anche per Gregory van der Wiel, terzino destro arrivato in estate dal Fenerbahçe. «Per van der Wiel dobbiamo aspettare ancora un po’. In questo momento sta facendo dei lavori personalizzati. Spero di averlo a disposizione tra qualche settimana».

PROGETTO CAGLIARI – Rastelli in Sardegna ha trovato la sua isola felice. «Lavorare tre anni nella stessa squadra non è semplice per un allenatore. Ho avuto la fortuna di riuscirci qui a Cagliari, per questo ringrazio il presidente Giulini. Sono coinvolto a 360° nel progetto: stiamo cercando di gettare le basi per un futuro importante per il club. Continueremo a lavorare sul 4-3-1-2, credo sia il vestito migliore per questa squadra. Può capitare che qualche volta si cambi modulo, ma la nostra strada è quella. La Sardegna Arena? Ora allenatore e giocatori hanno un contatto diretto coi tifosi. La nostra nuova casa è molto bella e confortevole, faccio i complimenti alla società e a chi ha lavorato alla costruzione dello stadio».

Articolo precedente
cragnoCagliariNews’ Award: è ancora Cragno il migliore tra i sardi
Prossimo articolo
fariasCagliari, contro il Chievo ipotesi attacco leggero