Cagliari-Lanciano, il ritorno di Cragno al Sant’Elia

© foto www.imagephotoagency.it

Il -5 arrivato in settimana ha riportato il Virtus Lanciano nei bassi fondi della classifica. Ma se la squadra abruzzese, prima della penalizzazione, era uscito dalla zona retrocessione, il merito era anche suo. Alessio Cragno, portiere classe 1994 della nazionale under 21, è stato protagonista dei successi rossoneri nel girone di ritorno grazie alle sue parate. Domani tornerà al Sant’Elia, per la prima volta avversario del Cagliari che è ancora proprietaria del suo cartellino. Cragno tornerà a difendere le porte del Sant’Elia quasi un anno e mezzo dopo l’ultima volta. Era un Cagliari-Juventus, finito 3-1 per i bianconeri che decretò l’esonero di Zeman. Nella sua avventura cagliaritana, Cragno non è mai riuscito a mantenere inviolata la porta del Sant’Elia, eccezion fatta per l’esordio in Coppa Italia contro il Catania (2-0) nell’estate del 2014. Dopo quella partita raccolse solo tanti palloni infondo al sacco e poche soddisfazioni. L’unica è ancora in Coppa, contro il Modena, nonostante i 4 gol subiti tra tempi regolamentari e supplementari. Per il passaggio del turno, Cragno si rivelò decisivo nella lotteria dei calci di rigore. Questo però non bastò a fermare le critiche del tifo cagliaritano, in una stagione da dimenticare per lui e per tutta la squadra. A gennaio ha scelto di andare a Lanciano per trovare spazio e continuità di prestazioni, dopo essere stato vicino a partire già d’estate, chiuso da Marco Storari. Domani al Sant’Elia si ritroveranno uno contro l’altro. Il presente contro (chissà) il futuro del Cagliari. E Cragno proverà a prendersi una piccola rivincita, cercando di mantenere inviolata quella maledetta porta del Sant’Elia.

Articolo precedente
Cagliari e Lanciano un girone dopo: quattro mesi lunghissimi
Prossimo articolo
Verso Cagliari-Lanciano, il punto sulla squadra di Maragliulo