WWF, Secci: “Is Arenas? Parere negativo dall’inizio”

© foto www.imagephotoagency.it

C’è la rabbia del WWF alla base dello scandalo Is Arenas? Sembra incredibile ma, alla base della rabbia montata per la costruzione dell’impianto di Quartu Sant’Elena, ci sarebbe la preoccupazione dell’organizzazione sul futuro delle tre specie di volatili nello stagno di Molentargius, situato vicino all’impianto di Quartu Sant’Elena. Intervenuto ai microfoni de “La Gazzetta dello Sport”, Antonello Secci, presidente del Wwf Sardegna, ha rilasciato queste dichiarazioni: E’ stato costruito in una zona a protezione speciale. Lo stagno di Molentargius è tutelato dalla convenzione internazionale di Ramsar ed è sottoposto al piano paesaggistico. Abbiamo fondati dubbi che certi vincoli siano stati rispettati. Per esempio, c’è un problema legato ai parcheggi, ricavati dove non si poteva nè si doveva. Ed è tutto da verificare se in generale siano state ottenute le molte necessarie autorizzazioni”.

Secci continua, parlando poi dei possibili danni per la fauna della zona: Sono di tipo uditivo e visivo.  L’inquinamento acustico prodotto da ogni partita e la luce dei riflettori per le gare in notturna fanno male agli animali dello stagno. Su Is Arenas ho espresso parere negativo fin dal principio”.

CONDIVIDI
Articolo precedente
Cagliari, Cellino verrà interrogato domani
Prossimo articolo
Adriatico, 10000 biglietti venduti per Pescara-Cagliari