Vigorito a CN24: “Spero di poter tornare a Cagliari. Dispiaciuto per caso Is Arenas, tuttavia…”

© foto www.imagephotoagency.it

Mauro Vigorito, uno dei tanti sardi che stanno onorando la maglia del Lumezzane, ha risposto in esclusiva alle domande di CalcioNews24.com, nel corso della quale ha parlato delle sue speranze di poter tornare presto a difendere la porta del Cagliari: “Sarebbe un sogno, ho avuto la fortuna di esordire con i rossoblù. Il Cagliari è la squadra della mia terra e spero di poterci tornare a giocare“. Solo due finora le sue presenze in Sardegna, entrambe nel finale della stagione 2009/10 quando si allenava con un certo Federico Marchetti. L’estremo difensore classe 1990 ha poi parlato della vicenda legata allo stadio “Is Arenas”, il cui accesso è precluso ai tifosi per problemi di agibilità contestati dalle autorità competenti: “Mi dispiace che il Cagliari non possa avere uno stadio proprio, è come non avere una casa. La squadra non può contare sul supporto del pubblico e, ogni domenica, la gente non sa se andrà a vedere la partita all’Is Arenas o in un altro stadio d’Italia“. La squadra allenata da Ivo Pulga e Diego Lopez sta tuttavia tenendo botta nonostante le difficoltà: “Giocare senza tifosi è una cosa negativa, in certe situazioni possono essere determinanti. Giocare a porte chiuse o in stadi nel resto d’Italia non è bello. Sono stato a vedere il Cagliari, contro l’Inter, a Trieste e posso dire che c’era maggiore affluenza di tifosi nerazzurri che rossoblù. Nonostante ciò, sta conquistando buoni risultati“. Il Cagliari è ora atteso dalla delicata trasferta di domenica contro il Bologna: “Sarà uno scontro diretto per la salvezza, il Cagliari ha preso un po’ di margine dal Pescara. La compagine sarda esprimerà un bel calcio, contro il Torino e il Milan ha espresso una buona idea di calcio“. E igli isolani hanno le carte in regola per uscire indenni dal Dall’Ara: “Il Cagliari ha dimostrato, contro il Milan, che può battere chiunque. I sardi sono una squadra ben attrezzata e stanno ritrovando giocatori leader come Conti e Cossu. Penso che il Cagliari non debba avere paura di nessuno, ne tantomeno del Bologna“. Intanto si sta facendo le ossa alla corte di Gianluca Festa, altro grande della storia recente della squadra isolana: “Sta andando molto bene e il Lumezzane sta lottando per i play-off. Anche a livello personale sono contento di come sto facendo, voglio continuare così“, conclude l’ex numero 22 rossoblu.

CONDIVIDI
Articolo precedente
Torino, Comi: “A Roma e Cagliari situazioni dubbie ma non ci sentiamo vittime”
Prossimo articolo
Giudice sportivo, Cagliari indenne