Serie A: il punto sulla zona retrocessione

© foto www.imagephotoagency.it

La lotta per la salvezza è aperta più che mai. 6 squadre lottano per restare in Serie A: Atalanta, Bologna, Cagliari, Genoa, Pescara, Palermo e Siena. Senza dimenticare però, Chievo Verona, Sampdoria e Torino che sono ad una lunghezza dagli orobici. Tutte e 6 le squadre prima citate hanno pareggiato. Iniziamo la nostra analisi dal terz’ultimo posto, occupato dal Pescara di Cristiano Bergodi, a quota 21 punti, che ieri ha impattato 1-1 con il Palermo che si trova al penultimo posto con il Siena a quota 18: per queste ultime due la situazione sembra più difficile perchè più distanti dalla zona tranquilla. Anche i toscani di Beppe Iachini hanno pareggiato contro il Bologna di Stefano Pioli che si trova a quota 26 punti, 5 punti sopra il Pescara. Un punto sopra gli abruzzesi troviamo il Genoa di Ballardini, reduce dal pareggio contro il Parma per 0-0 ma con due legni colpiti da Bertolacci che, qualora fossero diventati gol avrebbero fatto fare un salto importante al Grifone raggiungendo 24 punti anzichè i 22 attuali. Tre punti sopra i rossblu dei Genova, ci sono i rossoblu di Cagliari, anch’egli reduci da un pareggio casalingo contro il Milan: i sardi erano in vantaggio fino all’82 quando Astori strattona Balotelli che realizza il rigore. Del Bologna abbiao già detto, quindi passiamo all’Atalanta che pareggia contro il Catania e va a quota 27. Come detto prima non possono stare certamente tranquilli nemmeno Samp, Toro e Chievo Verona: di queste solo i blucerchiati hanno vinto contro la Roma ed i tre punti gli hanno fatto fare un salto importante, le altre due hanno perso rispettivamente contro Udinese ed Inter. Alla fine, la corsa per la salvezza è tutt’altro che chiusa: mancano 14 giornate alla fine e ci sono ancora 42 punti da conquistare. Vedremo alla fine del campionato chi la spunterà.

CONDIVIDI
Articolo precedente
Is Arenas: poteri della scaramanzia
Prossimo articolo
Milan, Mexes sul pareggio dell’ Is Arenas: “Potevamo fare di più, ma importante non aver perso”