Rafael: «Non vediamo l’ora di giocare alla Sardegna Arena»

© foto www.cagliarinews24.com

Rafael a tutto tondo dal ritiro del Cagliari. Dal ritorno in in rossoblù di Cragno all’ormai prossima inaugurazione della nuova Sardegna Arena, sono tanti i temi trattati in conferenza stampa dall’estremo difensore di San Paolo

A margine dell’allenamento mattutino, l’estremo difensore brasiliano Rafael ha fatto il punto sui primi dieci giorni di ritiro a Pejo. Nella passata stagione il 35enne di San Paolo ha superato la concorrenza di Storari e Gabriel, quest’anno dovrà invece guidare il giovane Alessio Cragno, tornato in Sardegna dopo una stagione in B con la maglia del Benevento. «Alessio – si legge sul sito del Cagliari ha già dimostrato le sue doti. Ci daremo una grossa mano. Ciò che conta è lavorare, aiutare chi gioca o chi sta fuori. Mi impegnerò anche per aiutare Luca Crosta, un ragazzo interessante che avrà l’opportunità di crescere tanto». Sempre molto scrupoloso, Rafael studia con attenzione gli allenamenti individuali insieme al preparatore David Dei. «Da quest’anno – continua il classe ’82 – David ha la possibilità di registrare gli allenamenti con la GoPro e questo è solo un vantaggio. In allenamento si verificano situazioni simili a quelle della partita, possiamo avere una visione totale di quel che accade. Tra noi organizziamo anche delle piccole sfide».

CAGLIARI, LA TUA FORZA È IL GRUPPO – Quello che sta nascendo in Val di Sole è un Cagliari all’insegna della continuità. «Abbiamo cambiato poco, penso che sia importante rendere più forte la squadra grazie agli innesti. Cerco sempre di dare il mio contributo alla costruzione del gruppo, deve essere forte e compatto soprattutto nei momenti difficili che come in ogni stagione non mancheranno». Chiosa dedicata all’analisi del primo test stagionale superato ieri dai rossoblù. «Bisogna affrontare bene queste partite dal punto di vista fisico e tattico. Dobbiamo migliorare per arrivare all’esordio al massimo. Le lacune difensive manifestate lo scorso anno? Ci stiamo lavorando, col mister e lo staff: ci stiamo mettendo qualcosa in più e dovremo alzare la soglia d’attenzione».

CURIOSITÀ SARDEGNA ARENA – Al termine della conferenza stampa, Rafael ha poi aggiunto ai microfoni del canale YouTube del club sardo: «La passata stagione si è conclusa nel migliore dei modi. Abbiamo raggiunto la salvezza, poi abbiamo continuato a giocare al massimo delle nostre potenzialità. Il prossimo campionato? Sarà molto difficile, sappiamo che la Serie A non è un campionato semplice. In Italia gli avversari ti puniscono al minimo errore, per questo motivo stiamo lavorando tanto insieme al mister e allo staff. Qui a Pejo stiamo gettando le fondamenta della nostra stagione, l’importante sarà arrivare preparati per l’inizio del campionato. In rosa ci sono tanti giovani, i ragazzi più esperti devono aiutarli. I giovani sono il futuro del Cagliari, è importante dar loro una mano. La Sardegna Arena? Siamo molto curiosi e non vediamo l’ora di scendere in campo: sappiamo che sarà una bolgia, aspettiamo tutti i tifosi».

CONDIVIDI
Articolo precedente
deiola cagliariCagliari, allenamento mattutino a gruppi. Riposo nel pomeriggio
Prossimo articolo
cagliari rastelliRastelli: «Cagliari, c’è grande entusiasmo. Cigarini? Può fare bene»