Is Arenas, ingresso vietato anche allo striscione

© foto www.imagephotoagency.it

Aprite le porte“. Quello striscione ormai è uno dei simboli della civiltà del popolo rossoblù, confinato fuori dalle mura di casa.

Lo portavano anche i giocatori del Cagliari durante la manifestazione Is Arenas Is Now, oltre agli autori del vessillo che sono quelli del gruppo “Tifosi del Cagliari: dateci uno stadio“.

La notizia di oggi è che lo striscione non potrà essere esposto domani all’interno dello stadio: ligi alle normative gli autori hanno chiesto le necessarie autorizzazioni, ma se le sono viste negare perché lo striscione non sarebbe “attinente alla manifestazione sportiva”.

CagliariNews24 ha raggiunto Giuseppe Fois, uno degli amministratori del gruppo e colui che si è interessato in prima persona della vicenda: “Abbiamo chiesto l’autorizzazione già quindici giorni fa, e solo oggi siamo stati informati che ci era stata negata. Anche la Cagliari Calcio, alla quale materialmente abbiamo presentato la richiesta da girare a chi di dovere, era sgomenta e non ha saputo capacitarsi della cosa“.

Negli altri stadi vedo striscioni offensivi, che incitano alla violenza” – prosegue Fois – “qui invece ci negano anche questo tipo di visibilità pacifica. Sono un tifoso e non mi fanno entrare, possibile che non possa nemmeno fiatare per far notare la cosa? Domani porteremo comunque lo striscione fuori dallo stadio.”

In tutto questo susseguirsi di notizie è difficile capire dove stiano le responsabilità, ma quando ci si vede trattati in questa maniera si finisce per pensare che ci sia qualcuno che non vuole il Cagliari.

 

 

Si ringrazia Roberta Spada per la collaborazione

CONDIVIDI
Articolo precedente
L’ex viola Malusci: “Le porte chiuse favoriscono la Fiorentina”
Prossimo articolo
Cagliari-Roma: pronto ricorso al Tar del Lazio