Inchiesta Is Arenas, si aggravano le posizioni di Cellino e Contini

© foto www.imagephotoagency.it

Stando a quanto riporta l’edizione online de L’Unione Sarda, si aggraverebbero le posizioni del presidente del Cagliari Massimo Cellino, del sindaco di Quartu Sant’Elena Mauro Contini e dell’assessore ai lavori pubblici dello stesso comune Stefano Lilliu  arrestati nell’ambito dell’inchiesta riguardante la costruzione dello stadio Is Arenas. I tre, che proprio in queste ore si trovano in udienza davanti al Tribunale del Riesame che valuta la possibilità di scarcerazione richiesta dai rispettivi legali, sarebbero ora accusati non di tentato peculato, ma dalle indiscrezioni emerse, di peculato consumato.

Ciò sarebbe emerso da un documento depositato dalla Procura intorno alle 10 (poco prima che iniziassero i lavori dell’udienza) dal quale  risulterebbe che una somma che si aggira sui 350 mila euro di fondi pubblici (parte dei 750 mila euro destinati al Pia) sarebbe stata impiegata per la realizzazione dell’impianto quartese.

La decisione relativa alla scarcerazione di Cellino, Contini e Lilliu slitta a domani (leggi qui).

CONDIVIDI
Articolo precedente
Designazioni arbitrali, il signor Banti dirigerà Bologna-Cagliari
Prossimo articolo
Nazionale Under 18, Dario Del Fabro chiamato in azzurro