Conti incontra i tifosi: il capitano racconta il momento del Cagliari (FOTO)

© foto www.imagephotoagency.it

Questo pomeriggio al Cagliari Point insieme alla matricola Cabrera c’era il veterano Daniele Conti: per lui è stata l’occasione di raccogliere l’ennesimo abbraccio del popolo rossoblù, ma anche di fare il punto sulla situazione attuale del Cagliari.

Il capitano ha raccontato come la squadra stia vivendo la vicenda Is Arenas: “Non serenamente, è chiaro; cerchi di non pensarci ma alla fine poi ti viene sempre in mente. Penso sia una cosa vergognosa che il Cagliari non abbia una casa dove giocare e far vivere ai tifosi delle emozioni. La speranza è che tutto si sistemi al più presto, che qualcuno si metta una mano sulla coscienza“.

Trova anche la forza per una battuta: “Io ho chiamato al mio paese, Nettuno: lì ci fanno giocare. A parte gli scherzi, io vorrei giocare a Cagliari: è il desiderio di tutti, soprattutto dei tifosi. Però penso che sia difficile, ci stanno mettendo i bastoni fra le ruote. Ho giocato tanti anni al S. Elia e quello stadio mi è rimasto nel cuore, il Cagliari ha bisogno di giocare a Cagliari“.

Il numero 5 analizza poi l’imminente sfida col Catania: “Faremo come sempre: abbiamo finora cercato di non pensare a quello che stava succedendo e cercato di applicarci sul campo, cosa che stiamo facendo alla grande. Sappiamo che il Catania è in forma, sta facendo un grandissimo campionato, però con la nostra voglia possiamo metterli in difficoltà. Il Catania è squadra ostica, sanno chiudersi e ripartire coi giocatori veloci che hanno davanti, però per come stiamo andando noi penso che uscirà fuori una bella gara“.

Abbiamo sempre sentito l’attaccamento dei tifosi alla squadra” – aggiunge Conti – “quando parliamo fra noi giocatori ci diciamo a vicenda di dare il massimo soprattutto per loro. E ci stiamo riuscendo. E’ strano ora dover giocare non si sa nemmeno dove, ma questa è una squadra che sta dando il massimo nonostante tutte le difficoltà, quindi continueremo a farlo“.

Se non hai un gruppo forte vai a fondo in situazioni come queste, invece la soddisfazione di tutti, dalla squadra alla dirigenza è che questo gruppo non ha mollato mai, anzi ha cercato di tirar fuori il meglio da ogni singolo.
L’andamento spettacolare del girone di ritorno dimostra comunque che, oltre al gruppo, il Cagliari ha anche ottimi giocatori: è un mix delle due cose“.

Il Capitano Daniele Conti & I protagonisti dell’ “A tu per tu” odierno 

QUI l’intervista al fantasista uruguayano Matías Cabrera.

Il nostro inviato: Francesco Piras

 

CONDIVIDI
Articolo precedente
Matías Cabrera “alza l’asticella”:«Prossimo anno? Il Cagliari può e deve puntare all’Europa» (FOTO)
Prossimo articolo
Pedullà blinda Sau nonostante le sirene di mercato