Cellino, prima notte in carcere, Pili: “Chiede ai tifosi di sostenere la squadra a testa alta”

© foto www.imagephotoagency.it

Prima notte dietro le sbarre per il presidente Massimo Cellino, arrestato ieri con l’accusa di tentato peculato e falso ideologico e in via cautelare per evitare che inquinasse le prove, a detta del gip. Come riporta L’Unione Sarda, il numero uno della Cagliari Calcio avrebbe da subito fatto emergere la propria personalità di fronte alla scabrosa situazione, chiedendo una chitarra, “così facciamo X Factor“. La musica è una delle sue passioni più grandi. Una volta introdotto in carcere è stato rinchiuso in una cella disposta nel braccio sinistro della struttura di Buoncammino. Per le altre due persone arrestate ieri è stata invece assegnata una camera in quello destro, ma Mauro Contini, sindaco di Quartu S.Elena al momento è ancora rivoverato in terapia intensiva presso l’opsedale Brotzu del capoluogo. Entrambe sono state fermate per “abuso d’ufficio”.

Domani, il patron rossoblu apparirà di fronte al giudice insieme agli altri indagati, tra cui figura anche l’assessore allo sport del comune quartese Stefano Lilliu, per chiarire la faccenda. In seguito la visita del deputato del Pdl Mauro Pili: “Mi ha pregato di portare all’esterno un messaggio per i tifosi. Chiede loro di continuare a sostenere a testa alta il Cagliari e di andarne fieri perché non hanno niente di cui vergognarsi“, ha rivelato l’onorevole dopo l’incontro, come riportato dal quotidiano.

CONDIVIDI
Articolo precedente
Cellino: “Arresto atto avverso a me e alla società”
Prossimo articolo
Is Arenas, Gigi Riva: “Situazione spiacevole, spero che…”