Cagliari-Torino a porte chiuse, Avelar: “Ci dispiace, ma è già qualcosa che giochiamo in casa”

© foto www.imagephotoagency.it

“Lo Stadio dei bambini”, l’iniziativa che da diversi anni la società rossoblù porta avanti nelle scuole di Cagliari e provincia e che vede la partecipazione di volta in volta di un giocatore rossoblù, ha portato questa mattina il laterale brasiliano rossoblù Danilo Avelar nella scuola “Casa del fanciullo – La Salle” di Monserrato. E’ stato accolto come ci si aspettava da un’entusiasmo straripante di bambini festanti che, dopo aver rivolto alcune domande al loro begnamino, hanno poi ottenuto da lui il prezioso autografo e scattato insieme a lui tante foto ricordo. Ecco alcune sue dichiarazioni: “La vicenda stadio ci condiziona? Abbiamo la giusta mentalità e siamo abituati ai problemi. A Pescara siamo stati particolarmente bravi ad isolarci dalle vicende extracalcistiche. Poi, l’unità e la compattezza del gruppo è stata sicuramente la nostra forza. Ed’ è arrivata una vittoria importantissima”.

Cagliari-Torino si giocherà in un Is Arenas con spalti vuoti, questo il pensiero del brasiliano: Chiaro ci dispiace, ma è già qualcosa che giochiamo a casa nostra. Il Torino? Ci vuole cattiveria e attenzione, e fare quello che sappiamo fare. Così riusciremo a disputare un’ottima gara”.

E conclude così sul suo stato di forma: “Lavoro settimanalmente e sono traqnuillo. Sono migliorato tanto difensivamente rispetto ad inizio campionato. Inizialmente è stato molto difficile, ma ora sono soddisfatto”.

CONDIVIDI
Articolo precedente
Lumezzane, le ambizioni di mister Festa: “Play off? Noi ci crediamo”
Prossimo articolo
Is Arenas, Pili: “Il ministro Cancellieri interverrà”