Cagliari, dai dubbi alle prime certezze: il punto dopo una settimana di ritiro

emergenza
© foto CagliariNews24.com

Dai dubbi post campionato alle prime certezze del Cagliari che verrà. Il punto della situazione in casa rossoblù dopo la prima settimana di ritiro

Trascorsa la prima settimana di allenamenti e quasi due dall’apertura del calciomercato, è tempo di fare un primo punto della situazione, utile a delineare il Cagliari che verrà. Nessun botto di calciomercato – salvo occasioni irrinunciabili -, l’obiettivo era e rimane trattenere i big e mantenere l’ossatura di una squadra da migliorare in alcuni aspetti ma che parte da una buona base. Il club, con il nuovo ds Rossi in testa, non ha fretta e resta alla finestra. Intanto in Val di Sole la squadra affina la sintonia e continua a lavorare agli ordini di uno staff tecnico allargato e pronto a seguire in modo più specifico la rosa.

LA DIFESA – Tra i pali tornerà Alessio Cragno, reduce da una stagione sopra le righe a Benevento e ormai pronto per riassaggiare quella Serie A che nel 2014/15 fu tanto amara. In difesa verrà confermato Pisacane nel ruolo di centrale, affiancato da Marco Andreolli. Sulla destra spazio a Mauricio Isla, dalla parte opposta fiducia a Miangue. Il pacchetto difensivo era ed è quello che più di tutti necessita di interventi. Nonostante l’arrivo dei due ex interisti, il club cerca il giusto mix di giovani ed esperti: per il ruolo di centrale gli occhi sono da tempo su Romagna della Juventus, con la trattativa per lo scambio con Del Fabro attualmente in stand-by. Lavori anche sulla fasce: se la corsia destra sarà di proprietà di Isla e Padoin, a sinistra Miangue potrebbe essere presto affiancato da un difensore di ruolo più esperto: il Cagliari ha mostrato interesse concreto per Peluso del Sassuolo. Sullo sfondo rimane Capuano, che come evidenziato più volte da Rastelli potrebbe dividersi tra il centro ed il settore sinistro. Partono indietro, nelle gerarchie, Ceppitelli e Salamon: il polacco in particolare è il maggior indiziato per lasciare il sodalizio isolano. All’orizzonte una nuova partenza per Luka Krajnc, reduce dalla positiva esperienza al Frosinone ed appetito da alcuni club di Serie B.

IL CENTROCAMPO – L’arrivo di Luca Cigarini colma il vuoto in cabina di regia, rimasta senza padrone dopo le partenze di Di Gennaro e Tachtsidis. Alle spalle dell’ex doriano c’è Colombatto, reduce dal prestito al Trapani e dallo sfortunato Mondiale Under 20 con l’Argentina. Il classe ’97, però, potrebbe presto lasciare il ritiro di Pejo: è corteggiato da alcuni club di cadetteria, su tutti il Bari, ed il Cagliari potrebbe decidere di cederlo nuovamente in prestito per consentirgli di accumulare esperienza. In caso di partenza del giovane centrocampista il club si ritufferebbe sul mercato alla ricerca di un vice Cigarini. Nessuna impellenza in merito agli interni. Al fianco dell’ex Sampdoria scalpitano Barella e Ionita: il classe ’97 cerca la definitiva consacrazione in Serie A, il moldavo vuole affermarsi dopo una stagione sfortunata, con l’infortunio al perone che lo ha tenuto lontano dai campi per quattro mesi. Alle loro spalle Dessena, Faragò, Deiola ed all’occorrenza Padoin, che parte come terzino di riserva.
Se in mediana è probabile un nuovo innesto, tra le linee non dovrebbe cambiare nulla. Rastelli è deciso a puntare sul 4-3-1-2 e Joao Pedro sarà il trequartista titolare. Alle sue spalle c’è Andrea Cossu, che porta esperienza e soluzioni alternative, magari a partita in corso. Da non escludere l’impiego sulla trequarti di Diego Farias, che ha dimostrato in più di un’occasione di saper supportare a dovere gli attaccanti.

L’ATTACCO – Quello del pacchetto offensivo è un capitolo mai aperto in sede di calciomercato. Nell’altalenante stagione conclusa da circa un mese e mezzo il reparto avanzato è senza dubbio quello che ha convinto maggiormente. Si ripartirà – a meno di offerte irrinunciabili – da Borriello, Sau e Farias, con il quarto attaccante che sarà con tutta probabilità Melchiorri. Reparto già pronto ed ampiamente collaudato, al ds Rossi non resta che trovare una sistemazione per Giannetti, Han e Cop.

CONDIVIDI
Articolo precedente
sardegna arenaSardegna Arena, buon avvio della campagna abbonamenti
Prossimo articolo
cagliari primaveraCalciomercato Cagliari: Bizzi, Pennington e Biancu all’Olbia